Forever Young: Differenziazione bloccato nelle cellule staminali tumorali

Marzo 28, 2016 Admin Salute 0 1
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Un nuovo confronto di cellule staminali normali e cellule staminali tumorali rivela che le cellule staminali del cancro sono anormalmente intrappolati in una fase iniziale di sviluppo. La ricerca avanza notevolmente la comprensione della fisiopatologia glioma e fornisce nuove indicazioni per la progettazione di strategie terapeutiche che sono indirizzate a specifici tipi di tumori.

-Tumor iniziare cellule con stelo come proprietà (TIC) si pensa di essere una piccola popolazione di cellule tumorali che hanno molte caratteristiche in comune con le cellule staminali normali (NSC) in quanto sono auto-replicanti e in grado di dare origine a popolazioni di differenziata cellule. Precedenti ricerche hanno dimostrato che TIC sono presenti in diversi tipi di tumori cerebrali, tra cui glioblastomi. Anche se gli IAT condividono molte proprietà con cellule staminali neurali, che sono noti per avere aberrazioni genetiche che supportano un fenotipo cancerogeno.

"Finora, ci sono stati pochi, se del caso, i rapporti che dimostrano esattamente dove lungo il percorso di sviluppo della maturazione delle cellule staminali tessuto-specifica e la differenziazione delle cellule staminali tumorali sorgono, e che, se del caso, delle cellule staminali intrinseco vie di segnalazione sono perturbate in Le cellule staminali tumorali rimangono in gran parte sconosciute ", spiega il Dr. Howard A. Belle dal National Cancer Institute di Bethesda, nel Maryland. Per capire meglio i percorsi di sviluppo e di differenziazione che giocano un ruolo significativo nelle cellule staminali del cancro, il dottor Fine e colleghi isolati IAT di glioblastomi umani primari e li hanno confrontati a NSCs umano e topo a vari stadi di sviluppo.




I ricercatori hanno scoperto che gli IAT isolati da un paziente adulto sono più simili alle cellule staminali embrionali precoci rispetto alle cellule staminali embrionali o adulte derivate successive. In particolare, gli IAT sembrano essere bloccato in questa prima fase di sviluppo, almeno in parte, a causa della repressione epigenetico di proteina recettore morfogenica osso 1B (BMPR1B) espressione mediata attraverso un complesso repressivo Polycomb. BMP sono noti per mediare la proliferazione, differenziazione e apoptosi in NSC, a seconda della fase di sviluppo delle cellule e l'ambiente locale. È importante sottolineare che l'espressione forzata del BMPR1B tacere ripristinato la normale capacità di differenziazione per gli IAT isolate, arrestare la divisione cellulare e inducendo il differenziamento terminale.

"La nostra ricerca fornisce un esempio di una cellula staminale normale blocco dello sviluppo temporalmente deregolamentato e aberrante fisso differenziazione contribuire alla patogenesi di un tumore umano. Non solo tali intuizioni aprire la strada ad una comprensione più approfondita della biologia delle cellule staminali tumorali, ma anche identificare BMPR1B come bersaglio molecolare promettente e aprire la possibilità di approcci terapeutici mirati per gli agenti che possono indurre la differenziazione terminale delle cellule staminali tumorali ", offre il dottor Fine.

Riferimento Journal: Lee et al .: "Dysfunction epigenetica-mediata della proteina morfogenetica dell'osso Pathway inibisce la differenziazione delle cellule-Glioblastoma Avvio." Editoria in Cancer Cell 13, 69--80, gennaio 2008. DOI 10.1016/j.ccr.2007.12.005.

I ricercatori sono Jeongwu Lee, Myung Jin Figlio, Kevin Woolard, Nicholas M. Donin, Aiguo Li, Chui H. Cheng, Svetlana Kotliarova, Yuri Kotliarov, Jennifer Walling, Susie Ahn, Misuk Kim, Mariam Totonchy, Thomas Cusack, Chibawanye Ene, Hilary Ma, Qin Su, Jean Claude Zenklusen, Wei Zhang, Dragan Maric, e Howard A. fine del Neuro-Oncologia Branch, National Cancer Institute, Istituto Nazionale di Malattie Neurologiche e Stroke, National Institutes of Health di Bethesda.

Questa ricerca è stata sostenuta dal Programma di ricerca intramurale del NIH, National Cancer Institute, Centro per la Ricerca sul Cancro.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha