Formazione Marathon potrebbe aiutare il cuore

Giugno 12, 2016 Admin Salute 0 2
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Formazione Marathon è associata a un miglioramento dei fattori di rischio legati alle malattie cardiovascolari tra mezza età corridori maschi ricreative, suggerendo che la preparazione di gara può essere una strategia efficace per ridurre il rischio di malattie cardiache, secondo la ricerca, da presentare presso l'American College of 63 ° Annual Scientific di Cardiologia Session.

Negli ultimi dieci anni, la partecipazione maratona è aumentato costantemente tra le persone di mezza età che cercano i benefici per la salute segnalati di regolare esercizio fisico. Alcuni studi hanno dimostrato che gli uomini più anziani sono molto più a rischio di arresto cardiaco durante l'esecuzione maratone. Tuttavia, poco si sa circa gli effetti del processo di allenamento per la maratona per la salute del cuore, in particolare in non-elite corridori ricreative.

I ricercatori hanno studiato 45 corridori maschi ricreative, di età da 35 a 65, che stavano progettando di eseguire 2013 maratona di Boston. I partecipanti sono stati reclutati dal team fundraising Dana-Farber Marathon Challenge e non erano tempi qualificato per la maratona di Boston. Circa la metà dei partecipanti aveva corso tre o più maratone nel corso della loro vita, mentre l'altra metà aveva corso due o meno. Sono stati invitati a partecipare al programma di formazione di 18 settimane, che includeva corse di gruppo, allenamento di resistenza, una guida dettagliata di formazione, accesso alle strutture cross-training nella zona di Boston, consigli nutrizionali, consigli di pacing, suggerimenti di preparazione e regolare la corrispondenza di coaching . I partecipanti sono stati istruiti per eseguire 12 a 36 miglia ogni settimana, a seconda della fase di formazione. I ricercatori hanno seguito l'adesione al programma di formazione con i registri in esecuzione forniti dai partecipanti.




"Abbiamo scelto i corridori di beneficenza perché volevamo concentrarci sul tipo non-elite di corridore, proprio la media Joe che decide di arrivare e treno per una maratona", ha detto Jodi L. Zilinski, MD, presso il Massachusetts General Hospital, e investigatore principale dello studio. "Si è rivelato essere una popolazione più sana di quanto ci aspettassimo, con un sacco di loro già si esercita su una base abbastanza regolare, ma erano ancora lontani dai livelli di corridori d'elite."

Prima di iniziare il programma di formazione, i partecipanti sono stati sottoposti a una valutazione medica completa che comprendeva test da sforzo cardiopolmonare, studi di imaging cardiaco e lo screening del colesterolo. Poco più della metà dei partecipanti allo studio (24 su 45) ha avuto almeno un fattore di rischio cardiovascolare tra cui il colesterolo alto, pressione alta o una storia familiare di malattia cardiaca. I partecipanti sono stati rivalutati al termine del programma di formazione prima di correre la maratona.

La partecipazione al programma di 18 settimane ha portato a significativi cambiamenti globali in fattori determinanti di rischio cardiovascolare. Lipoproteine ​​a bassa densità, o LDL, conosciuto come colesterolo "cattivo", è stato ridotto del 5 per cento; colesterolo totale è sceso del 4 per cento, e dei trigliceridi è sceso del 15 per cento. C'era anche un calo dell'1 per cento dell'indice di massa corporea, e un aumento del 4 per cento nel consumo massimo di ossigeno, una misura di fitness cardiorespiratoria, che è un indicatore prognostico potente di mortalità cardiovascolare.

"Nel complesso, i partecipanti hanno sperimentato cardiaci rimodellamento - il miglioramento della dimensione, la forma, la struttura e la funzione del cuore", ha detto Zilinski. "Anche con una popolazione relativamente sana che non è stato esercitare naпve, i nostri partecipanti allo studio avevano ancora miglioramenti complessivi degli indici chiave della salute del cuore."

Zilinski detto che lo studio sottolinea la possibilità di regolare esercizio fisico per migliorare i fattori di rischio per le malattie cardiache, ma avverte che gli individui dovrebbero sempre verificare con il proprio medico prima di partecipare ad un programma di formazione rigoroso.

Lo studio è stato progettato per concentrarsi su guide maschi di mezza età, di ricreazione, una popolazione in precedenza identificati come a più alto rischio di eventi avversi cardiovascolari durante maratona, quindi l'applicabilità dei risultati ad altre popolazioni, come i corridori femminili ricreativi o sportivi di alto livello possono essere limitata. La ricerca futura che si rivolge ad atleti alle prime armi per definire le ottimali relazioni dose-risposta tra l'esercizio fisico e riduzione del rischio di malattia cardiovascolare è giustificata.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha