Front Successivo in battaglia AIDS in tutto il mondo: Allungamento uso di farmaci anti-HIV

Aprile 11, 2016 Admin Salute 0 9
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Un esperto Johns Hopkins nel trattamento farmacologico della malattia da HIV e l'AIDS è in testa uno sforzo internazionale per spostare radicalmente la produzione e prescrizione di terapie combinate ampiamente accreditati negli ultimi dieci anni per mantenere la malattia sotto controllo per 8 milioni dei 34 milioni di persone infette in tutto il mondo .

"Siamo in grado di fare di più con meno dell'agente farmaceutica attiva in molti composti farmacologici anti-HIV e possiamo adottare tecniche più efficaci per rendere i farmaci più rapidamente e per meno soldi di prima", dice farmacologo clinico ed esperto di malattie infettive, Charles Flexner , MD, professore alla Scuola di Medicina dell'Università John Hopkins Bloomberg e l'università della Facoltà di Salute Pubblica.

In un rapporto che appare nel numero di luglio della rivista medica The Lancet Infectious Diseases, Flexner, insieme ad altri scienziati della Johns Hopkins e l'iniziativa Clinton Salute Access, dicono i metodi più efficienti e meno costosi di produzione, una migliore formulazione dei farmaci, prescrizioni più basso dosaggio e periodi di trattamento più brevi sono tutti fattibile, sicuro e potenzialmente efficace. L'attuazione di questi sforzi sarebbero, dicono, rendere i farmaci più accessibili per i restanti due terzi delle persone con malattia da HIV, la maggior parte di loro vive in cattive Africa sub-sahariana e in grado di permettersi o ottenere l'accesso alle cure per conto proprio.




È necessaria la nuova attenzione, sostengono, per contrastare diffusi vincoli di bilancio e la riluttanza da parte delle nazioni sviluppate a contribuire molto di più di 56 miliardi di dollari già investiti in tali programmi di aiuti internazionali del Piano di Emergenza del Presidente degli Stati Uniti per l'AIDS Relief, nota come PEPFAR , e il Fondo Globale per la lotta all'AIDS, la tubercolosi e la malaria. Più fiscale cintura stretta sta avvenendo nonostante comprovato successo di questi programmi 'negli ultimi dieci anni ad aumentare notevolmente il numero di persone infette in cura in Africa sub-sahariana impoverito, da circa 50.000 nel 2003-4700000 oggi.

"La nostra più grande sfida nel trattamento di quelli già infettati con HIV nel mondo in via di sviluppo è capire come stiamo andando ad allungare ulteriormente i nostri farmaci esistenti per il trattamento di due o anche tre volte il numero di persone", dice Flexner, "Fortunatamente, la scientifica e chimica prove di ingegneria è dalla nostra parte. "

Nel rapporto, Flexner ei suoi colleghi chiedono di migliorare la produzione per abbassare il costo dei farmaci esistenti, facendo notare che la maggior parte dei farmaci anti-HIV prescritti in via di sviluppo sono generici e già quotati sul mercato il più basso possibile. I costi dei farmaci annuali per il trattamento della malattia da HIV eseguito tra $ 130 e $ 1,500 per paziente.

Flexner e altri esperti dicono che le aziende farmaceutiche in gran parte si astengono dal fare miglioramenti di risparmio di costi per le terapie antiretrovirali in proprio, perché i risparmi di produzione di farmaci più snella sono troppo piccole, superati dai costi di marketing e normativi legati alla approvazione del governo per qualsiasi cambiamento nei metodi di produzione . "Semplicemente non c'è alcun incentivo finanziario per loro di apportare le modifiche sotto la nostra struttura dei prezzi della droga in corso", dice Flexner. "Così è fino alla comunità scientifica di intensificare e colmare il gap."

Flexner dice il nuovo rapporto serve un piano d'azione per gli oltre 140 scienziati, esperti di politica, filantropi e rappresentanti dell'industria farmaceutica che si sono riuniti nel giugno 2010 ad Alessandria, Va., Nell'ambito della prima conferenza di consenso sull'ottimizzazione farmaco antiretrovirale.

Il gruppo internazionale mette miglioramenti produttivi, come l'utilizzo di fornitori più economiche di materie prime o di modifiche di formulazione di ottimizzare quanto bene i farmaci vengono assorbiti dal corpo in cima alla lista per abbassare il costo dei farmaci anti-HIV.

Un esempio di questo approccio, dice Flexner, è stato l'emergere nel 2007 di un nuovo, produttore in competizione per una materia prima utilizzata per sintetizzare tenofovir, farmaco antiretrovirale più prescritti al mondo e una componente fondamentale della terapia di associazione ampiamente utilizzato, Atripla. Utilizzando il prodotto del concorrente prezzo ridotto di droga di tenofovir di circa il 60 per cento in quattro anni e salvato programmi di aiuto milioni. Cambiare fornitori di reagenti e utilizzando la tecnologia più avanzata per la produzione di un'altra Atripla droga, efavirenz, ha portato ad un 64 per cento calo del prezzo negli ultimi cinque anni.

Molti farmaci, Flexner dice, come il tenofovir, hanno un tasso di assorbimento del corpo - una misura di quanto della chiave principio chimico attivo in realtà entra nel flusso sanguigno - inferiore al 30 per cento. Raddoppiare questo, Flexner sostiene, potrebbe salvare il numero di pillole pazienti hanno bisogno.

Dice il doppio delle persone potrebbero avere accesso al tenofovir se la dose di medio necessario per trattare efficacemente la malattia fosse abbassato a 150 milligrammi al giorno da 300 milligrammi al giorno.

Secondo Flexner, la maggior parte dei farmaci sono prescritti a dosi leggermente superiori rispetto effettivamente necessario per garantire l'effetto desiderato. Il sovradosaggio non danneggia le persone di prendere i farmaci, dice lui, ma dimostra come i produttori di farmaci sono "errare sul lato della cautela, nella prescrizione di più di un farmaco piuttosto che di meno", che può essere particolarmente vero per i farmaci antiretrovirali, la cui sviluppo è stato accelerato lungo negli ultimi due decenni nella corsa per la lotta contro la malattia da HIV.

Flexner dice che la riduzione della dose di farmaci utilizzati nel trattamento di persone nel mondo in via di sviluppo è forse il più controverso delle proposte del gruppo, come "non vogliamo che ci sia alcuna possibilità di fornire assistenza non adeguata."

Flexner sottolinea che attenta ricerca dovrà essere fatto per convalidare un abbassamento di dosi di farmaci antiretrovirali, in modo da evitare lo sviluppo di resistenza ai farmaci e di dissipare le preoccupazioni etiche sul trattamento scadente di persone nei paesi in via di sviluppo. Gli studi sono già in corso, egli osserva, con un po 'più basse dosi di efavirenz e stavudina, soprattutto per le persone più sottili o più brevi nei paesi in via di sviluppo le cui massa corporea medio non può giustificare le dosi maggiori.

"Anche se i due terzi della dose giornaliera, o forse anche solo la metà, funziona altrettanto bene come la prescrizione iniziale, altri milioni di persone infettate con la malattia hanno una buona probabilità di accedere alla nostra offerta esistente di farmaci anti-HIV", dice Flexner.

E mentre un minor numero di pillole, dice Flexner, potrebbe portare a una migliore gestione della malattia in alcuni casi, i team scientifici altrove stanno valutando l'uso di add-on farmacologico "potenziamento" droghe per migliorare gli effetti dei principi attivi in ​​altri farmaci. Un pepe nero derivato, chiamato piperina, potrebbe essere utilizzato per migliorare le concentrazioni di farmaci come il raltegravir inibitore dell'integrasi.

I farmacologi sono anche, dice, cercando di prolungare la durata di conservazione dei farmaci anti-HIV, come un mezzo per rendere più accessibili alle persone infette nel mondo in via di sviluppo. Tale mossa potrebbe ridurre il numero di farmaci che vanno a rifiuti e permettere la spedizione meno costosa via mare invece che in aereo, egli osserva, in particolare per i farmaci che possano raggiungere la loro data di scadenza durante il trasporto e la consegna.

"Tutte queste apparentemente piccole innovazioni e miglioramenti possono aggiungere", dice Flexner, le cui squadre hanno già cominciato a calcolare i costi ei benefici delle loro molteplici tentativi di ottimizzazione di droga.

Flexner dice il gruppo di ottimizzazione farmaco antiretrovirale incontrati a maggio a Ginevra con l'Organizzazione mondiale della sanità delle Nazioni Unite a lavorare sul revamping linee guida di trattamento per la malattia da HIV per incorporare le loro strategie ottimali di utilizzo di droghe.

Oltre Flexner, altri leader dietro il rapporto conferenza di consenso includono Keith Crawford, R.Ph., Ph.D .; David Brown Ripin, Ph.D .; e Andrew Levin, M.D., Ph.D. Sostegno Finanziamento per la conferenza di consenso è stato fornito dalla Bill e Melinda Gates Foundation.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha