Gene aumenta il rischio schizofrenia, dice studio

Maggio 7, 2016 Admin Salute 0 3
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Gli scienziati U of T hanno scoperto il primo "gene di rischio" per la schizofrenia nella popolazione generale.

Una variante rara di un gene chiamato Nogo, quando ereditato da entrambi i genitori, aumenta il rischio di sviluppare la schizofrenia, dice uno studio che sarà pubblicato nel Molecular Brain Research novembre 15. precedenti scoperte circa altri geni di rischio per la malattia sono stati limitati a specifici etnica gruppi.

"Trovare un gene di rischio nella popolazione generale - il primo ritrovamento di questo tipo a livello internazionale -. Apre la porta alla scoperta di nuovi e relativi geni di rischio Ora gli scienziati sapranno dove cercare geni correlati", dice farmacologia e psichiatria professore Philip Seeman. "Questo aiuterà nella diagnosi e potenzialmente nella progettazione di nuovi farmaci per il trattamento di questa terribile malattia", aggiunge Seeman che ha lavorato allo studio con il professore di psichiatria Teresa Tallerico, autore principale e studente di farmacologia laureato Gabriela Novak e studente universitario David Kim.




Lo studio dimostra che una persona su cinque con schizofrenia ha questo gene rischio. I ricercatori hanno scoperto che il 17 di 81 individui con schizofrenia - 21 per cento - hanno ereditato il gene raro Nogo variante da entrambi i genitori. In un gruppo di controllo di persone senza schizofrenia, solo il tre per cento aveva ereditato il gene da entrambi i genitori. Le persone possono ereditare il variante del gene Nogo da un solo genitore, ma c'è un rischio schizofrenia solo quando questo gene è ereditato da entrambi i genitori. Il gene non suggerisce una diagnosi della schizofrenia, ma piuttosto un maggiore predisposizione alla malattia.

Una delle funzioni del gene Nogo è quello di produrre proteine ​​che inibiscono la crescita di terminazioni nervose nel cervello. A differenza della forma comune di Nogo, gene variante presenta tre basi chimiche aggiunti, noti come CAA, in una regione del gene che regola la produzione di proteine. I ricercatori hanno scoperto che l'attività dei geni Nogo era più alta nei campioni post-mortem del cervello di individui con schizofrenia. E 'possibile che queste basi CAA aggiuntivi portano la variante del gene Nogo per produrre più proteine, riducendo così il numero di terminazioni nervose nelle regioni del cervello associate con sintomi della schizofrenia, dice Seeman. Tuttavia, sono necessarie ulteriori ricerche per confermare questo.

"Questo studio si aggiunge alla teoria in rapida evoluzione che, nel cervello di coloro che soffrono di schizofrenia, il sistema nervoso si sviluppa in un modo leggermente alterato che porta alla comparsa di sintomi come allucinazioni e deliri in giovane età adulta", dice Seeman.

Anche se la causa della schizofrenia non è noto, il trattamento dei sintomi è stata consolidata dal 1970. Farmaci antipsicotici è usato per bloccare l'azione della dopamina, un trasmettitore chimico adrenalina-come nel sistema nervoso che diventa iperattiva nelle persone con schizofrenia.

"Questa scoperta di un gene rischio nella popolazione generale potrebbe portare allo sviluppo di farmaci fuori del sistema dopaminergico, forse mira la proteina prodotta dal gene", suggerisce Seeman.

Lo studio è stato sostenuto da Alleanza Nazionale per la Ricerca sulla Depressione e schizofrenia, la Eli Lilly Research Fellowship in donne Salute Mentale, la Stanley Foundation Scholars Mentori Programma di Alleanza Nazionale per malati mentali, la Canadian Institutes for Health Research, l'Ontario Mental Health Foundation e il National Institute on Drug Abuse. Professor Tallerico è un Essel Investigator di Alleanza Nazionale per la Ricerca sulla Depressione e schizofrenia (NARSAD) e il professor Seeman è Janice Lieber Investigator di NARSAD.

L'Università di Toronto, principale università di ricerca del Canada con 60.000 studenti, festeggia il suo 175 ° anniversario nel 2002. Il 15 marzo 1827, College del re - precursore dell'Università di Toronto - è stato concesso il suo statuto reale da re Giorgio IV. L'università comprende ora 31 divisioni, università e facoltà su tre campus, tra cui 14 facoltà professionali, numerosi centri di ricerca e più grande sistema bibliotecario universitario di Canada - il quinto più grande biblioteca di ricerca in Nord America.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha