Gene che dà origine al Neuroblastoma, un tumore aggressivo Infanzia, Situato

Aprile 16, 2016 Admin Salute 0 4
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Utilizzando la tecnologia gene caccia avanzata, un team internazionale di ricercatori ha per la prima volta identificato una regione cromosomica che è la fonte di eventi genetici che danno luogo a neuroblastoma, un tumore infantile spesso fatale.

I ricercatori hanno scoperto che la presenza di variazioni del DNA comuni in una regione del cromosoma 6 aumenta il rischio che un bambino svilupperà una forma particolarmente aggressiva di neuroblastoma, un tumore del sistema nervoso periferico che appare generalmente come un solido tumore nel torace o all'addome . Rappresenta Neuroblastoma per il 7 per cento di tutti i tumori infantili, ma a causa della sua natura aggressiva, provoca il 15 per cento di tutti i decessi per cancro infanzia.

"Fino ad ora abbiamo avuto ben pochi indizi su ciò che provoca neuroblastoma," ha detto oncologo pediatrico John M. Maris, MD, che ha condotto lo studio presso l'ospedale dei bambini di Philadelphia, dove è direttore del Centro per la Ricerca sul cancro infantile. "Anche se c'è molto lavoro da fare", ha aggiunto Maris, "capire l'origine di questo tipo di tumore fornisce un punto di partenza per lo sviluppo di nuovi trattamenti." Il gruppo di studio ha riportato le sue conclusioni in di Oggi online Prima versione del New England Journal of Medicine.




Il neuroblastoma è il tumore solido più comune della prima infanzia ed è nota da tempo per includere sottotipi che si comportano in modo molto diverso. Alcuni casi colpiscono i bambini, ma scompaiono spontaneamente con il trattamento minimo, mentre gli altri casi nei bambini più grandi possono essere inesorabilmente aggressivi fin dall'inizio.

I ricercatori del Hospital per bambini e colleghi nei bambini multicentrici di Oncology Group hanno per decenni analizzato i tumori per le caratteristiche, quali i livelli amplificati di un gene che causa il cancro e la soppressione di materiale cromosomico. Hanno usato quelle peculiarità tumorali per classificare neuroblastoma in livelli di rischio che guidano oncologi verso i trattamenti più appropriati. "Definire correttamente il livello di rischio ci aiuta a evitare le trappole gemelle di undertreating o overtreating qualsiasi bambino con neuroblastoma", ha aggiunto Maris.

Tuttavia, poco si sapeva circa gli eventi genetici che predispongono a un bambino di sviluppare un tumore neuroblastoma. In circa la metà dei casi di neuroblastoma, il tumore non viene scoperto fino a quando si è diffuso ampiamente nel corpo di un paziente, in modo da capire come una origine tumorali possono permettere oncologi di progettare prima e interventi più efficaci.

Nel corso di studio, la squadra di Maris collaborato con Hakon Hakonarson, MD, Ph.D., direttore del Centro dell'Ospedale dei bambini di Genomica Applicata, di analizzare campioni di sangue di circa 1.000 pazienti di neuroblastoma, così come i campioni da circa 2.000 bambini sani reclutati attraverso il Bambini rete ospedaliera. Un'analisi DNA chip effettuata al centro genoma ha identificato tre polimorfismi a singolo nucleotide (SNP) - variazioni di singole basi sulla elica del DNA. Su oltre 550.000 SNP studiati, questi SNPs erano molto più comune nei pazienti con neuroblastoma, rispetto ai controlli. I tre SNPs verificati insieme su una banda di cromosoma 6 designato 6p22.

I ricercatori hanno ripetuto l'analisi campioni di sangue provenienti da altri gruppi di pazienti e soggetti di controllo degli Stati Uniti e il Regno Unito, e hanno confermato la loro scoperta che varianti nella regione 6p22 sono stati implicati in neuroblastoma. Ci sono due geni nella regione 6p22, ma le loro funzioni sono largamente sconosciuti.

"Stiamo facendo ulteriori studi per capire come questi cambiamenti genetici relativamente comuni si traducono in un aumento del rischio di cancro", ha detto Maris. "In ultima analisi, probabilmente causano sottili cambiamenti nell'espressione genica durante lo sviluppo precoce, interagendo con altri geni ancora da scoprire. Questo suggerisce che neuroblastoma ha cause complesse, in cui una serie di cambiamenti genetici può avvenire in diversi siti di combinare in un 'perfetto tempesta 'che si traduce in questo cancro. "

I ricercatori hanno trovato che i pazienti con questi SNP a rischio sul cromosoma 6 avevano una maggiore probabilità di sviluppare neuroblastoma aggressivo. I primi cambiamenti sul cromosoma 6 in tutte le loro cellule del corpo alla fine ha portato alle anomalie genetiche visto in cellule tumorali in forme ad alto rischio della malattia.

Perché la loro scoperta rivela solo il primo passo di una serie di eventi molecolari, ha aggiunto Maris, sarebbe prematuro fare test genetici prenatali per le SNPs sul cromosoma 6. Il suo team di ricerca continuerà a effettuare analisi genetiche, alla ricerca di altre variazioni geniche che interagiscono con questi SNP. Una fonte di dati sarà di 5.000 campioni di tessuto in laboratorio di Maris - la più grande collezione al mondo di campioni di neuroblastoma, attingendo decenni di ricerca sulla malattia Maris, i suoi colleghi e predecessori all'ospedale dei bambini.

"Questa scoperta pone le basi per imparare questi cambiamenti iniziali influenzano percorsi biologici che portano a neuroblastoma", ha aggiunto Maris. "Capire i percorsi ci guidi a nuove e migliori terapie che hanno come target proprio questo cancro". Hakonarson ha aggiunto, "Questo studio rappresenta uno dei tanti progetti in corso per cui gli scienziati presso l'Ospedale dei Bambini di Philadelphia si impegnano, e prevediamo diverse scoperte simili saranno effettuati in altri disturbi pediatrici comuni e altrettanto complessi, come l'autismo, asma, ADHD e diabete. "

Il National Institutes of Health ha sostenuto lo studio, insieme con sovvenzioni dal Lemonade della Alex stand Foundation, il Centro di Genomica Applicata, l'Abramson Cancer Research Institute Famiglia e l'Istituto di ricerca sul cancro, che si trova nel Regno Unito

Tra Maris di e co-autori del Hákonarson sono stati diversi collaboratori dall'Ospedale dei Bambini di Philadelphia e la University of Pennsylvania School of Medicine; l'Istituto di ricerca sul cancro in Surrey, U.K .; l'Università di Birmingham, U.K .; l'Università Federico II, Napoli, Italia; l'Università di Roma; Ospedale dei Bambini di Los Angeles; e la University of Florida.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha