Gene Dietro zanzare malaria-resistente identificati

Giugno 16, 2016 Admin Salute 0 1
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

In questo studio, i ricercatori del Laboratorio europeo di biologia molecolare (EMBL) di Heidelberg, in Germania, e l'Institut National de la Santй et de la Recherche Mйdicale (INSERM) di Strasburgo, in Francia, hanno scoperto che le variazioni di un unico gene influenzano la capacità delle zanzare " resistere infezione da parte del parassita della malaria.

"Parassiti della malaria devono spendere parte della propria vita all'interno di zanzare e un'altra parte dentro gli esseri umani, in modo da imparare come zanzare resistono malaria, possiamo trovare nuovi strumenti per controllare la sua trasmissione all'uomo in aree endemiche", dice Stephanie Blandin da INSERM, che ha effettuato la ricerca presso l'EMBL in collaborazione con il gruppo di Lars Steinmetz e con Rui Wang-Sattler (ora al Helmholtz Zentrum di Monaco di Baviera, Germania).




Gli scienziati hanno cercato indizi nel genoma - tutta la DNA - di Anopheles gambiae zanzare, un importante vettore del parassita che provoca la forma più grave di malaria umana in Africa. Si sono concentrati sulla resistenza delle zanzare per un uso comune organismo modello: Plasmodium berghei, un parassita che causa la malaria nei roditori. Quando hanno confrontato il genoma di zanzare che possono resistere questa infezione a quelli di zanzare che non potevano, gli scienziati hanno scoperto che la differenza principale risiede in una singola sezione di un cromosoma. Dei circa 975 geni contenuti in questa sezione di DNA, uno in particolare sembra svolgere un ruolo importante nel determinare la resistenza di una zanzara di malaria. Questo gene, chiamato TEP1, codifica per una proteina che era noto per legarsi e promuovere l'uccisione di Plasmodium parassiti della malaria berghei nel midgut della zanzara, e gli scienziati hanno scoperto che il loro sforzo di zanzare resistenti aveva una forma, o allele, di TEP1, che era diverso da quelli che si trovano in ceppi non resistenti (o sensibili).

Per verificare se questa differenza di alleli causato la variazione di resistenza delle zanzare della malaria, gli scienziati hanno sviluppato una nuova tecnica, reciproca interferenza RNA allele-specifica, ispirato da gruppo uno di Steinmetz aveva precedentemente creato per studiare il lievito. "Questo è stato un passo avanti, perché la nuova tecnica è applicabile a molti organismi diversi", dice Steinmetz. "Si estende il potere che abbiamo acquisito nel lievito: possiamo andare da un'intera regione del DNA per l'attuale gene-malattia - una prodezza raramente realizzabile in organismi complessi". La tecnica consente agli scienziati di identificare esattamente quali allele è dietro un tratto specifico. Hanno prodotto individuali zanzare che avevano un allele TEP1 dal ceppo resistente e un altro da un ceppo sensibile, e quindi "disattivati" - o tacere - uno o l'altro di questi alleli. Il risultato: silenziamento differenti alleli prodotto zanzare con diversi gradi di resistenza alla malaria, il che significa che la resistenza di un singolo zanzare al parassita della malaria dipende in gran parte che forma (s) di questo gene porta.

Anche se questo studio si è concentrato sul parassita che causa la malaria nei roditori, ci sono prove che questo gene può essere coinvolto anche nella risposta immunitaria delle zanzare di malaria umana - una connessione gli scienziati stanno esplorando, e che credono possano contribuire a rendere l'eradicazione della malaria programmi più efficaci.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha