Gene 'Network' collegato alla schizofrenia ricostruito; I pazienti Confermato da trasportare mutazioni

Giugno 12, 2016 Admin Salute 0 2
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Segnalazione di questa settimana in Archives of General Psychiatry, i ricercatori della Johns Hopkins University School of Medicine hanno scoperto per la prima volta circuito molecolare associato con la schizofrenia che collega tre noti in precedenza, proteine ​​ancora indipendenti.

"Questo è molto eccitante perché fino ad ora i molti fattori genetici noti implicati in questa condizione non sono stati collegati in alcun modo", dice Akira Sawa, MD, Ph.D., direttore del programma in psichiatria molecolare e professore associato di psichiatria e neuroscienze a Hopkins. "Ora, attraverso una collaborazione interdisciplinare e interdipartimentale, che non solo abbiamo capito come queste tre proteine ​​interagiscono tra di loro, noi pazienti hanno anche trovato che portano mutazioni. Questi risultati ci danno una buona base per scavare più a fondo una tale condizione sfuggente. "

La squadra di Sawa precedenza aveva caratterizzato il gene DISC1 e proteine ​​che sono necessarie per il corretto sviluppo del sistema nervoso, e quando perturbato, contribuire in maniera significativa alla schizofrenia. Il suo team aveva anche dimostrato che la proteina DISC1 si lega alla proteina PCM1 al centrosoma, che coordina la struttura e il movimento delle cellule.




Separatamente, Hopkins genetista e professore associato di oftalmologia Nicholas Katsanis, Ph.D., e il suo team stavano studiando una famiglia non correlata di proteine ​​aveva scoperto che uno di loro, BBS4, anche si trova nei pressi del centrosoma e si lega anche a PCM1. "Ma noi non pensavamo schizofrenia al momento, perché BBS4 è coinvolto nella sindrome di Bardet-Biedl, che è una condizione ampio conosciuta principalmente per i suoi problemi agli occhi e associati e dei reni, ma fa anche causare difetti comportamentali in alcuni pazienti," dice Katsanis.

Era Hopkins psichiatra Nicola Cascella, MD, co-direttore del programma in psichiatria molecolare e assistente professore di psichiatria che, secondo Sawa, "ha portato tutto insieme", rendendosi conto che i difetti comportamentali osservati nei pazienti con sindrome di Bardet-Biedl e interazione molecolare di BBS4 e PCM1 potrebbe essere correlato e rilevante per la schizofrenia.

"Serendipity ci ha uniti dagli angoli più remoti del campus e ci ha permesso di vedere i collegamenti tra queste tre proteine, centrosomi, e la schizofrenia", dice Katsanis. Così hanno intrapreso una collaborazione per vedere se queste osservazioni casuali potrebbero portare a una migliore comprensione della schizofrenia.

Innanzitutto, per dimostrare che le tre proteine ​​in effetti interagiscono fisicamente con l'altro in una cella, i gruppi di ricerca attaccati tag diversi ad ogni proteina e seguite le proteine ​​in cellule coltivate in laboratorio. Essi hanno scoperto che tutte e tre le proteine ​​finiscano insieme, al centrosoma. Quando i ricercatori hanno rimosso o DISC1 o BBS4 dalle cellule, PCM1 non avrebbe al centrosoma, portando i ricercatori a concludere che DISC1 e BBS4 agire insieme per reclutare PCM1.

I ricercatori hanno poi chiesto se il guasto di PCM1 reclutamento centrosoma in topi privi sia DISC1 o BBS4 colpisce lo sviluppo del cervello. Per fare questo hanno ridotto la quantità di ciascuno dei tre fattori nel cervello dei topi di sviluppo. Come risultato, le cellule nervose nel corteccia cerebrale, la parte del cervello responsabile della memoria e pensiero riuscito a crescere bene, suggerendo che questi tre proteine ​​agiscono sinergicamente durante il normale sviluppo del cervello.

Domanda successiva Le squadre era se PCM1 potrebbe contribuire alla schizofrenia. Esaminando il DNA di famiglie affette da schizofrenia, i ricercatori hanno scoperto una mutazione in PCM1 in una famiglia, ma solo effettuati dai membri della famiglia che erano stati diagnosticati con schizofrenia.

"Questo collegamento è esattamente il tipo di margherita dal gene alla malattia che gli psichiatri pregano per", dice Cascella. "Questo è un percorso molecolare che possiamo potenzialmente bersaglio per la terapia farmacologica."

"Stiamo cominciando a malattie psichiatriche sub-stratificare in cause molecolari discreti", aggiunge Katsanis. "Ora che sappiamo che che un sottoinsieme di schizofrenia è legato alla centrosomi e queste proteine ​​associate, possiamo iniziare a guardare questioni più ampie di come la gente ottiene malattia psichiatrica. Abbiamo un gancio, ora possiamo iniziare a pescare."

La ricerca è stata finanziata dal National Institutes of Mental Health Silvio O. Conte Centro concessione, US Public Health Service, così come borse di fondazione da Stanley, NARSAD, e SR. E 'stato anche finanziato dal ministero giapponese e le fondazioni di JSPS, Giappone Cervello, Tokyo Biochemical ricerca e della scienza del cervello

Autori sulla carta sono Atushi Kamiya, Perciliz Tan, Caitlin Englehard, Koko Ishizuka, Pulver, Cascella, Katsanis, e Sawa, tutti Hopkins; Ken-Ichiro Kubo e Kazunori Nakajima della Keio University di Tokyo, Giappone; e Akiharu Kubo e Sachiko Tsukita dell'Università di Kyoto a Kyoto, in Giappone.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha