Gene Trovato per contribuire alla forma mortale di cancro al seno

Maggio 31, 2016 Admin Salute 0 4
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

UM ricercatori dimostrano capacità di RhoC GTPase per innescare forma infiammatoria della malattia

ANN ARBOR, Mich -. Università di ricercatori del Michigan hanno scoperto che un gene recentemente implicato nel fegato, il cancro della pelle e del pancreas può causare un tipo particolarmente mortale di cancro al seno, e può aiutare a spiegare il motivo per cui cresce, si diffonde e talvolta rivela mortale così rapidamente.

La scoperta, pubblicata nel numero del 15 ottobre della rivista Cancer Research, conferma precedenti sospetti della squadra che un gene chiamato RhoC GTPase è un fattore chiave per il cancro al seno infiammatorio. Poco più di un anno fa, hanno pubblicato uno studio che dimostra che il gene era sovraespresso nel 90 per cento dei campioni tumorali di donne con la malattia aggressiva, molte volte più spesso nelle donne con forme non infiammatorie della malattia.




Ora, dicono gli autori, che hanno dimostrato che la troppa produzione GTPase RhoC nelle cellule normali, altrimenti provoca il tipo di rapida istituzione di colonie di cellule, tendenze invasive e capacità di muoversi che caratterizzano il cancro al seno infiammatorio, o IBC.

Hanno anche scoperto che, impiantato in topi sani, le cellule normali con in più attività GTPasica RhoC possono indurre tumori al seno per formare - anche se non così spesso come le cellule tumorali impiantate. Questo suggerisce che il gene, mentre la chiave per il progresso della malattia, ha alcuni partner indeterminato.

"Questa è la prima volta che il gene RhoC è stato implicato nel cancro al seno, e abbiamo il sospetto che la sua importanza potrebbe andare oltre la forma infiammatoria della malattia ad altri tumori al seno aggressivi", dice l'autore Sofia Merajver, Ph.D., MD professore associato di medicina interna della UM Health System e direttore del seno e Valutazione ovarica Risk Clinic presso l'UM Comprehensive Cancer Center.

Aggiunge Kenneth van Golen, Ph.D., autore co-lead con Zhi-Fen Wu, MD, "Questa scoperta solleva la possibilità di un futuro test o agente terapeutico che potrebbe aiutare i medici ed i pazienti lanciare un contrattacco aggressivo come la malattia stessa . " Tali test o trattamenti sono probabilmente anni fuori, ha aggiunto, ma il loro sviluppo si basa su prove come quella nel nuovo studio.

Conti carcinoma mammario infiammatorio per il 6 per cento di tutte le diagnosi di cancro al seno negli Stati Uniti ogni anno, ma la sua velocità e la capacità di metastatizzare rendono molto più difficile da trattare. Solo il 45 per cento delle donne con la malattia sono vivi e liberi da malattia dopo cinque anni e il trattamento ottimale.

IBC è conosciuta come la forma più mortale di tumore della mammella localmente avanzato. Il nome della malattia deriva dal colore rosso e altri cambiamenti produce in pelle del seno, tra cui noduli, grinze e retrazione del capezzolo. Con il tempo è diagnosticata, IBC è quasi sempre diffuso ai linfonodi e spesso ad altre parti del corpo - pensare che le cellule di sviluppare rapidamente la capacità di lasciare il tumore primario, viaggiare attraverso il corpo e far crescere i vasi sanguigni altrove.

Nonostante la sua natura mortale, poco è stato conosciuto circa basi genetiche di IBC. Il team di UM ha sondato quel mistero per molti anni, la maggior parte di recente con gli studi di quali geni erano over-attivo nei tumori di donne trattate per varie forme della malattia al Comprehensive Cancer UM.

Essi hanno scoperto che il gene RhoC GTPase era over-espresso - o trascrivere tempi supplementari per produrre surplus di proteine ​​RhoC GTPase - nel 90 per cento dei tumori IBC. Questa differenza di livello molecolare sembrava aiutare a spiegare il motivo per cui le cellule IBC e le cellule non-IBC non appaiono diversi sotto un microscopio, ma si comportano in modo molto diverso nel corpo.

Proteine ​​RhoC GTPase è noto per aiutare forma le cellule e organizzare la "scheletrico" actina proteine, che aiuta a formare l'infrastruttura per le cellule che si dividono per fare nuove cellule, si estende in una particolare direzione, allegando ad una superficie, e stimolare una nuova fornitura di sangue percorsi. Una maggiore capacità di eseguire tutte quelle attività è una caratteristica di cellule che sono state trasformate in cellule tumorali - tendono a riprodurre senza freni e formare colonie, muoversi intorno al corpo, aggrappano tra loro e per ancorare destinazioni e formare vasi sanguigni nutrirsi.

Munito con questa conoscenza, la squadra UM precisato per studiare l'influenza del gene RhoC sovraespressa da solo inserendo il gene di cellule tumorali in cellule normali del seno, in un processo chiamato transfezione. Hanno poi confrontato il comportamento di queste cellule con quella di cellule normali, nonché cellule transfettate con un gene di controllo, e le cellule originariamente sviluppata da tessuto tumorale IBC. Le cellule trasfettate prodotte circa tanto della proteina RhoC GTPasi come celle IBC.

Essi hanno scoperto che in più RhoC sola era sufficiente a causare le cellule trasfettate per formare più colonie di nuove cellule rispetto alle cellule non transfettate, 6-176 volte più numerose colonie a seconda di quanto della proteina e il numero di copie del gene erano presenti . Anche il tasso di colonizzazione più basso era quasi pari a quella delle cellule tumorali.

Più cruciale per comprendere il problema della IBC, il RhoC supplementare ha dato le cellule una maggiore capacità di muoversi, o crescere attraverso una barriera, rispetto alle cellule normali - capacità circa tanto invasivo delle cellule tumorali. Le cellule RhoC transfettate sono stati anche molto più propensi a spostare grandi distanze su una superficie rispetto alle altre cellule transfettate. La fonte di quel movimento, aree concentrate di actina chiamato focale punti di adesione e fibre di stress, era chiaramente visibile nelle immagini delle cellule RhoC e cellule della linea del tumore, ma non gli altri.

Infine, il team ha testato la capacità delle cellule RhoC 'per avviare i tumori nelle aree del seno di topi di sesso femminile, a fronte di linee di cellule tumorali. Un quarto dei topi che ha ottenuto i tumori cellule RhoC formate, mentre nessuno di quelli impiantati con le cellule normali del seno ha fatto.

"Nel complesso, il nostro risultato suggerisce che ci sono altri fattori genetici chiave da trovare", spiega Merajver. La sottoespressione di un gene soppressore del tumore chiamato LIBC, anche trovato dalla squadra UM nello studio precedente, può essere uno. Già, la squadra sta continuando lo studio di tutti i fattori.

Lo studio è stato finanziato dal National Institutes of Health, la Susan G. Komen Breast Cancer Foundation, e il seno US Army Cancer Research Program.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha