Genes-Forma alterare collegato al cancro ovarico

Aprile 26, 2016 Admin Salute 0 2
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

"La nostra ricerca spiega come ognuno dei tre principali forme di cancro ovarico acquistano il loro aspetto unico," afferma Naora. "Questi geni causano una metamorfosi delle cellule epiteliali ovariche, indirizzando loro di cambiare la loro forma."

Queste forme strane rendono ogni forma di cancro ovarico diversi tra loro, e anche diverso all'epitelio superficie o rivestimento esterno delle ovaie da cui questi tumori sono pensati per derivare, spiegato Naora. Ovarico sieroso mostre cancro dispone simili a quelle delle tube di Falloppio; la forma endometrioidi ha caratteristiche simili a il rivestimento dell'utero; cancro ovarico mucinous sembra ancora come le cellule intestinali.




Queste forme misteriose hanno causato alcuni ricercatori a ipotizzare che i tumori ovarici potrebbero provenire da altri tessuti, e non l'epitelio di superficie ovarica affatto. Naora motivato che il tessuto ovarico potrebbe essere persuaso a diverse forme dai cambiamenti nella sua programmazione genetica.

Naora sospettava che i geni HOX, che dirigono tessuti embrionali immaturi per formare le varie strutture del corpo durante lo sviluppo, potrebbero rimanere riattivato nelle cellule tumorali ovariche. Lei ei suoi colleghi testato l'effetto di quattro geni HOX su cellule derivate da epitelio superficiale ovarico e ha scoperto che l'attivazione diversi geni HOX causato le cellule di trasformarsi in forme diverse e assomigliano i moduli visti in cancro ovarico.

Ad esempio, accendere HOXA9 cellule causato a formare tumori che assomigliavano ad alto grado di carcinoma ovarico sieroso. D'altra parte, l'attivazione HOXA10 provocato tumori che sembravano le cellule tumorali ovariche e HOXA11 endometrioidi causati a formare tumori che assomigliavano cancro ovarico mucinoso. Cosa c'è di più, il team di ricerca ha scoperto che l'attivazione di HOXA7 in combinazione con uno qualsiasi degli altri geni HOX provocato la formazione di tumori a basso grado che sono meno aggressivi rispetto ai tumori ad alto grado.

Poiché i geni HOX sono sensibili ai livelli di ormoni femminili estrogeni e progesterone prodotto negli organi riproduttivi, Naora ipotizza che i cambiamenti anormali livelli di questi ormoni potrebbero spiegare come i geni Hox vengono a essere acceso in tessuto ovarico. In effetti, la maggior parte dei fattori di rischio noti per il cancro ovarico sono legati ai livelli di questi stessi ormoni.

"Uno dei principali problemi con la diagnosi e il trattamento del cancro ovarico è che non è una singola malattia", spiega Naora. "Ogni forma di cancro ovarico ha il suo comportamento clinico unico. Se capiamo che cosa causa queste diverse forme, abbiamo fatto il primo passo verso la diagnosi precoce e la terapia su misura per ciascuno dei vari sottotipi."

L'American Cancer Society stima che circa 22.220 nuovi casi di cancro ovarico sarà diagnosticata negli Stati Uniti nel corso del 2005. rischio di una donna di ammalarsi di cancro ovarico nel corso della sua vita è di circa 1 a 58, che rappresentano circa il 3 per cento di tutti i tumori nelle donne.

L'obiettivo finale della ricerca di Naora è quello di sviluppare un profilo molecolare o un modello che potrebbe essere utilizzato per determinare chi è a maggior rischio di cancro ovarico e di personalizzare il trattamento per le donne che fanno sviluppare il cancro ovarico.

"Un impedimento a migliorare la diagnosi precoce del cancro ovarico è la mancanza di lesioni pre-maligne o precursori ben definiti. Inoltre, in questo momento non abbiamo alcun modo di valutare il rischio relativo per le donne con una storia familiare di carcinoma ovarico ", continua. "Spesso queste donne hanno le loro ovaie rimosse, e cambiamenti insoliti nella forma delle cellule sono visti in molti casi. Ma non si sa se i cambiamenti di forma delle cellule necessariamente portare al cancro. Vorremmo essere in grado di offrire un test che potrebbe valutare il rischio e permettono alle donne di fare scelte più consapevoli. "

Oltre al dottor Naora, Ph.D., Wenjun Cheng, MD, Jinsong Liu, MD, Ph.D, Hiroyuki Yoshida, MD, Ph.D., e Daniel Rosen, MD, tutti MD Anderson, contribuito al ricerca. La ricerca è stata sostenuta da sovvenzioni dal National Institutes of Health, l'esercito americano, e l'American Cancer Society; Una ricerca MD Anderson Cancer Center istituzionale di Grant; e un premio da combattenti del cancro di Houston.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha