Genitori seguono Pediatra Consigli Su Amministrazione MMR Vaccinazioni

Giugno 2, 2016 Admin Salute 0 1
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Ultime notizie su un presunto collegamento dannose tra gli orecchioni, morbillo e rosolia e l'insorgenza dell'autismo hanno avuto scarso effetto se noi genitori vaccinati i loro figli, secondo una revisione dei registri di immunizzazione e notizie. Decisioni dei genitori sono stati più probabilmente influenzati dalle raccomandazioni dal pediatra del loro bambino, hanno detto i ricercatori.

I ricercatori dell'ospedale dei bambini di Philadelphia e The University of Louisville School of Medicine relazione sulla revisione dei dati nel numero di aprile della rivista Pediatrics. I dati sono stati raccolti da file di uso pubblico del Immunization Survey nazionale dal 1995 al 2004. confronto record di immunizzazione di 215.643 bambini dai 19 mesi a 35 mesi con picchi di notizie storie circa il vaccino MMR e l'autismo. I conti di notizie sono state raccolte da un database noto come LexisNexis, che tiene traccia giornali, televisione e radio notizie.

Il numero di bambini che non ricevono la parotite, il morbillo e la rosolia (noto come MMR) è aumentato a partire dal febbraio 1998, quando uno studio scientifico che propone un collegamento tra il vaccino MMR e l'autismo è apparso sulla rivista britannica The Lancet. Dopo due anni, il numero degli Stati Uniti di bambini non vaccinati poi rifiutato e non rimbalzo quando il collegamento MMR-autismo ha cominciato a ricevere una copertura capillare nella stampa mainstream, suggerendo una limitata influenza dei mezzi di informazione sui tassi di immunizzazione MMR negli Stati Uniti




"Se i fornitori diventano più cauti nel corso di un periodo di polemiche, poi i funzionari della sanità pubblica dovrebbero assicurare i fornitori sono dati avvisi tempestivi e l'accesso alle raccomandazioni credibili", ha detto Michael J. Smith, MD, autore principale dello studio, mentre in precedenza all'ospedale dei bambini. Smith è oggi un specialista in malattie infettive pediatriche presso l'Università di Louisville School of Medicine. "I nostri risultati suggeriscono che i medici potrebbe essere stato un buffer importante contro il potenziale impatto negativo della copertura mediatica delle polemiche di immunizzazione."

Lo studio Lancet, condotto da Andrew Wakefield, è stato viziato e poi screditato, anche se ampiamente pubblicizzato nel Regno Unito. Tassi nazionali di vaccinazione MMR in Gran Bretagna è sceso dal 92 per cento al 73 per cento in seguito alla pubblicazione, causando epidemie di morbillo e il primo morbillo morte nel Regno Unito in più di un decennio.

I bambini studio Hospital si proponeva di fornire le prime stime di popolazione di tassi di vaccinazione MMR negli Stati Uniti in seguito alla pubblicazione dello studio di Wakefield e la successiva copertura mediatica. Secondo i dati, quasi 1 su 50 bambini americani perso l'opportunità di MMR vaccinazioni nei due anni successivi alla pubblicazione di Wakefield. In studi medici privati ​​non-vaccinazione salito più in alto 1 in 40 bambini.

Significativa la copertura media mainstream della controversia MMR-autismo non è iniziata negli Stati Uniti fino a quando quasi due anni dopo che la carta Lancet. A quel tempo, il numero di bambini che non ricevono le vaccinazioni MMR stava tornando al livello di studio di pre-Wakefield. I bambini sono stati identificati come volutamente mancanti vaccinazione MMR se fossero al corrente di altre vaccinazioni infantili, tra cui l'epatite B, poliomielite, difterite, tetano, pertosse e Haemophilus influenzae, ma non MMR. L'attuale studio ha esaminato i tassi di immunizzazione al 2004.

La decisione di immunizzare i bambini è influenzato da tre cose: la volontà dei genitori, l'atteggiamento del medico e di input verso guidare la decisione, e disponibilità del vaccino. Poiché non vi era carenza di alimentazione durante il periodo di studio, il calo può essere attribuita solo a uno dei genitori o la riluttanza del medico per vaccinare. Alcuni fornitori di servizi sanitari, fatti a conoscenza dello studio di Wakefield, possono inizialmente sono diventati riluttanti a somministrare il vaccino MMR, ha detto gli autori.

"La lezione per la comunità della salute pubblica può essere che la volontà di vaccinare un bambino è una storia giocata nella sala d'esame durante la conversazione privata tra il medico e la famiglia", ha detto Smith. "Aggiornamento del medico con le informazioni più credibili e le strategie per discutere di sicurezza del vaccino con i genitori può essere il modo più efficace per garantire pratiche di immunizzazione di successo a fronte di volumi crescenti di informazioni spesso inaffidabili e fuorvianti".

Co-autori dello studio sono Susan S. Ellenberg, Ph.D., presso la University of Pennsylvania School of Medicine, Louis M. Bell, MD e David Rubin, MD, MS.CE, presso l'ospedale dei bambini di Philadelphia.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha