Gli oncologi sono fondamentali per la gestione dei disturbi psichiatrici nei pazienti con cancro avanzato

Marzo 27, 2016 Admin Salute 0 3
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Malattia mentale e stress emotivo in pazienti con cancro avanzato sono spesso trascurati da oncologi, ma, se a screening per, possono essere gestiti in modo adeguato per migliorare la qualità della vita del paziente.

In un articolo pubblicato su Cancer, il Dr. Michael Miovic e Dr. Susan Block dal Dana Farber Cancer Institute e Brigham and Women Hospital di Boston rivedere la letteratura pubblicata di malattie psichiatriche in pazienti affetti da cancro.

Essi hanno scoperto che il 50 per cento o più dei pazienti con tumore avanzato o terminale soffre di almeno una delle tre principali disturbi psichiatrici: disturbi dell'adattamento, disturbi d'ansia e disturbi depressivi. Questi disturbi hanno sintomi diversi che oncologi possono schermare e gestire attraverso farmaci o rinvio a professionisti della salute mentale e/o gruppi di sostegno.




Anche se la gestione medica del cancro è notevolmente migliorata negli ultimi dieci anni, integrando la gestione dei relativi problemi di salute mentale è rimasta. Gli studi dimostrano quei sintomi depressivi impatto atteggiamenti dei pazienti verso la vita e la morte, così come la qualità della vita, ancor più che il dolore. Nonostante le terapie efficaci a disposizione, meno della metà dei pazienti con cancro avanzato sotto la cura di oncologi ricevono trattamento.

Più del 30 per cento dei pazienti con malattia avanzata e quasi il 20 per cento dei pazienti con malattia terminale soffre di un disturbo di regolazione, composto da sintomi di stress emotivo, come irritabilità, sbalzi d'umore, ansia, o disturbi del sonno. Inoltre, fino al 30 per cento dei pazienti con malattia avanzata e il 20 per cento dei pazienti con cancro terminale sono affetti da un disturbo depressivo, come la depressione maggiore. Inoltre, disturbi d'ansia colpiscono quasi il 10 per cento dei pazienti con malattia avanzata e il 14 per cento dei pazienti con cancro terminale.

Lo strumento di screening più importante per l'oncologo è la comunicazione. "Ascoltando", ha spiegato gli autori, "il medico fornisce al paziente la possibilità di essere ascoltato e compreso, esplorare le paure e le preoccupazioni, piangere le perdite, articolati speranze e desideri finali e condividere il senso unico che la malattia ha per ogni individuo."

Questa recensione fornisce oncologi un quadro istruttivo da cui schermo e gestire i loro pazienti. DRS. Miovic e Block concludono, "oncologi possono aiutare a ridurre lo stress psicologico nei pazienti con cancro avanzato attraverso una comunicazione efficace, il sostegno emotivo di routine, lo screening per disturbi psichiatrici, opportunamente prescrivere farmaci ansiolitici e antidepressivi, facendo riferimento ai pazienti di sostenere i gruppi, collaborando con professionisti della salute mentale, e si occupano di end-of-life problemi. "

Articolo: "Disturbi psichiatrici nel cancro avanzato," Michael Miovic, Susan Block, Cancro; Pubblicato online: 10 settembre 2007 (DOI: 10.1002/22980 CNCR.); Print Data di Emissione: 15 Ottobre 2007.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha