Gli scienziati a determinare dinamiche della trasmissione dell'HIV In UK eterosessuali

Aprile 1, 2016 Admin Salute 0 4
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Tra gli eterosessuali nel Regno Unito (UK), la trasmissione dell'HIV può avvenire all'interno di reti di ben 30 persone, secondo un nuovo studio condotto da ricercatori presso l'Università di Edimburgo, in Scozia, e la Clinical Trials Unità di Medical Research Council, Londra. I dettagli sono pubblicati 25 settembre sulla rivista open-access PLoS Pathogens.

Il numero di eterosessuali con infezione da HIV nel Regno Unito è cresciuta notevolmente e ora supera il numero di uomini omosessuali HIV-positivi. La maggior parte sono immigrati provenienti dall'Africa sub-sahariana, un gruppo per il quale il modello di trasmissione del virus è scarsamente documentata.

Per comprendere meglio le dinamiche dell'epidemia eterosessuale di HIV nel Regno Unito, il gruppo di ricerca, guidato dal professor Andrew Leigh Brown, applicato la nuova tecnica di filodinamica, che ricostruisce il modello di sequenza virale divergenza nel tempo al fine di rivelare le dimensioni di trasmissione cluster e le dinamiche di trasmissione al loro interno.




Il team ha studiato le sequenze genetiche del virus da oltre 11.000 individui infetti, che comprende il 40% della popolazione eterosessuale con infezione da HIV nel Regno Unito, rendendo questo uno dei più grandi studi del suo genere fino ad oggi. Analizzando le differenze tra i ceppi virali, hanno trovato gruppi di virus correlati che ha mostrato il 5% delle trasmissioni di HIV si sono verificati in reti di più di 10 persone.

Gli autori fanno notare l'importanza del loro lavoro del database Resistenza Drug UK HIV, che contiene informazioni sulla sequenza virale DNA di oltre 30.000 individui infetti. Utilizzando questa banca dati, i ricercatori hanno scoperto che i gruppi di trasmissione nella popolazione eterosessuale erano più piccole di quelle che si trovano tra gli uomini omosessuali HIV-positivi e che la trasmissione è stata anche molto più lento. Lo studio conclude che la trasmissione eterosessuale potrebbe essere notevolmente ridotto la diagnosi precoce e il trattamento.

"Le dinamiche più lente dell'epidemia eterosessuale offrono quindi più possibilità di intervento di successo, ma è essenziale che la diagnosi è raggiunto il più presto possibile", ha detto il professor Leigh Brown.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha