Gli scienziati di creare il mouse con le caratteristiche principali di infezione da HIV senza infezione da HIV

Aprile 3, 2016 Admin Salute 0 1
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Uno dei principali ostacoli alla ricerca HIV è la specializzazione squisita del virus per il suo ospite umano - il che significa che gli strumenti tradizionali scienziati, come il topo di laboratorio umile, in grado di fornire solo informazioni limitate. Ora, un team di ricercatori che scrivono in Open Access Journal di BioMed Central di biologia hanno fatto un attacco ingegnoso su questo problema con la creazione di un topo che ha caratteristiche principali di infezione da HIV senza infezione da HIV.

George Kassiotis, dalla Divisione di Immunoregulation presso MRC Istituto Nazionale per la ricerca medica, ha lavorato con un team di ricercatori di creare topi le cui cellule T CD4 +, le cellule eliminate da infezione HIV, commettere una sorta di suicidio al momento dell'attivazione. Egli disse: "Anche se questi topi non riproducono appieno ogni aspetto della disfunzione immunitaria associata all'HIV umana, che fanno approssimative due principali alterazioni immunitarie - CD4 + T cellule deficit immunitario e l'attivazione immunitaria generalizzata ulteriore definizione del preciso equilibrio tra CD4 + T cellule. uccidendo e attivazione immunitaria e deficit sarà di vitale importanza per la nostra comprensione della patogenesi di infezione da virus di immunodeficienza. "

Le cellule CD4 + T nei topi i ricercatori sono stati progettati per esprimere una tossina, la tossina difterica Un frammento, al momento dell'attivazione. Questo sistema di autodistruzione genetica provoca la morte della cellula entro 48 ore. La perdita risultante di cellule immunitarie attivate causato i topi a mostrare sintomi con alcune somiglianze con quelli di infezione da virus dell'immunodeficienza. Ci sono chiare differenze tra il mouse e un essere umano infettato da HIV, tuttavia, come il fatto che l'attuale sfruttamento intensivo delle cellule CD4 + T quasi tutti attivati ​​in topi non comporta la progressiva erosione della naпve e della memoria delle cellule CD4 + T visto durante l'infezione da HIV. Nessuno-la-meno, delle conoscenze acquisite da questo modello riduzionista può solo aiutare la nostra comprensione delle malattie umane.




In un commento sul lavoro nello stesso numero di Journal of Biology, esperti di cellule T e l'HIV ai National Institutes of Health commentano che il mouse sarà come utile per le sue differenze da infezione umana come sarà per le sue somiglianze.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha