Global HIV vaccino spettacoli promettono nelle scimmie

Giugno 22, 2016 Admin Salute 0 1
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

La notevole diversità di HIV in tutto il mondo rappresenta una sfida fondamentale per la progettazione di un vaccino efficace HIV. Ora, un team scientifico guidato da Beth Israel Deaconess Medical Center (BIDMC) ha dimostrato che il vaccino bioinformatically ottimizzati antigeni di HIV noti come antigeni "mosaico" potrebbero essere utili nella progettazione di un vaccino globale di HIV. Questo studio, che è stato condotto nelle scimmie, è pubblicato oggi sulla rivista Cell.

"Un vaccino globale HIV offrirebbe maggiori vantaggi biomedici e pratici rispetto alla maggior parte dei candidati vaccini HIV, che sono limitati ad alcune regioni del mondo", dice l'autore Dan H. Barouch, MD, PhD, Direttore del Centro di Virologia e vaccino ricerca presso BIDMC, Direttore del Programma Vaccine presso l'Istituto Ragon di MGH, MIT e di Harvard, e Professore di Medicina alla Harvard Medical School. "A nostra conoscenza, questo studio rappresenta la prima valutazione della efficacia protettiva di un candidato globale strategia antigene HIV nei primati non umani."

In questa nuova pubblicazione, gli autori dimostrano per la prima volta quel mosaico HIV antigeni del vaccino può permettersi una protezione parziale in scimmie rhesus contro le sfide con un virus dell'immunodeficienza delle scimmie rigoroso-umana. Questi antigeni del vaccino mosaico sono stati sviluppati per la copertura immunologica ottimale della diversità globale di HIV.




Barouch e il suo team hanno studiato l'immunogenicità del mosaico HIV antigeni Env/Gag/Pol somministrati alle scimmie utilizzando vettori virali. Env, Gag, Pol e sono tre principali proteine ​​dell'HIV. Dopo l'immunizzazione, le scimmie sono stati ripetutamente esposti a molteplici sfide virus dell'immunodeficienza delle scimmie umani ei ricercatori hanno valutato la capacità dei vaccini per bloccare l'infezione.

Sebbene la maggior parte degli animali immunizzati con il vaccino HIV mosaico stato contagiato dalla fine dello studio, i ricercatori hanno osservato una riduzione di 87 a 90, percento in probabilità di infezione ogni volta che sono stati esposti al virus scimmie. Al contrario, le scimmie che hanno ricevuto vaccini sham diventato infettato più rapidamente.

"Questi risultati indicano che questi antigeni vaccinali ottimizzate possono permettersi una protezione parziale in un modello animale rigoroso", dice Barouch.

I ricercatori hanno scoperto che le scimmie immunizzate montati risposta anticorpale contro diversi ceppi di HIV notando, "Protezione dipendeva diversi tipi di risposta anticorpale, suggerendo che l'attività coordinata di molteplici funzioni anticorpi può contribuire alla protezione contro i virus difficili da neutralizzare. " Le scimmie montati anche risposte immunitarie cellulari a più regioni del virus.

I ricercatori di notare che la maggior parte dei precedenti HIV vaccini candidati sono stati testati in genere solo in scimmie per la protezione contro facile da neutralizzare i virus piuttosto che contro un virus difficili da neutralizzare come quello utilizzato in questo studio. Inoltre, ogni sfida virale nello studio è stata di circa 100 volte più contagioso di quello dell'HIV tipiche esposizioni sessuale nell'uomo.

"Questi dati suggeriscono un percorso in avanti per lo sviluppo di un vaccino contro l'HIV e globale ci danno speranza che un tale vaccino potrebbe infatti essere possibile", ha detto Barouch. "Stiamo progettando di avanzare questo candidato vaccino HIV in studi clinici il prossimo anno", aggiunge.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha