Grave ipertensione: 'killer silenzioso' ancora libero


La pressione alta può essere uno dei principali killer del paese, ma si sarebbe mai sapere dal modo in cui ci stiamo comportando, dicono gli scienziati che partecipano al congresso annuale della Society for Critical Care Medicine (SCCM).

"La ricerca mostra che circa 73 milioni di persone negli Stati Uniti hanno la pressione alta, ma molti di loro non sanno nemmeno che. E tra quelli che lo fanno, un gran numero non stanno prendendo i farmaci di cui hanno bisogno per controllare", spiega . Christopher Granger, un cardiologo presso la Duke University Medical Center. "Abbiamo scoperto che questi pazienti stanno ottenendo un trattamento altamente variabile. Inoltre, abbiamo anche scoperto che non stiamo facendo un ottimo lavoro seguito con queste persone una volta che lasciano l'ospedale", aggiunge.

Granger e colleghi a quasi due dozzine di istituzioni in tutto il paese hanno creato un registro speciale per scoprire cosa succede ai pazienti con, ipertensione grave acuta - quelli con valori di pressione sanguigna sopra 160/110 - quando arrivano al pronto soccorso o di terapia intensiva impostazione per il trattamento.




Essi hanno scoperto che, anche se il 90 per cento di loro aveva già una diagnosi di pressione alta, circa un quarto di loro non stavano prendendo le medicine che dovevano. I ricercatori hanno anche scoperto che estremamente alta pressione sanguigna era legato a elevati tassi di complicazioni e di morte. Molti dei pazienti che già hanno avuto gravi danni d'organo e oltre il sei per cento di loro sono morti in ospedale. Dopo lo scarico, la maggior parte dei pazienti hanno ricevuto prescrizioni per almeno due farmaci, ma il 41 per cento doveva essere riammesso entro tre mesi. Che cosa può essere più inquietante, però, è il fatto che gli inquirenti non hanno potuto trovare alcuna prova nelle schede di dimissione di circa il 60 per cento dei pazienti che non vi era stato alcun tentativo di pianificare un appuntamento di follow-up per loro.

"Stiamo apparentemente girando un gran numero di pazienti indietro nella comunità, senza un adeguato follow-up e la cura", dice Granger. "Grave ipertensione è un problema molto comune, ma sappiamo veramente molto poco. C'è un enorme bisogno di migliorare la cura per questi pazienti."

Dr. Solomon Aronson, un anestesista a Duke, vede il pericolo in alta pressione del sangue da un'altra angolazione. Aronson ha passato anni cercando di scoprire il "sweet spot", o gamma ideale, di pressione sanguigna durante interventi chirurgici cardiaci. Aronson ha guidato un team di ricercatori che ha analizzato oltre 3 milioni di valori di pressione sanguigna nei registri di 5238 pazienti chirurgici cardiaci a Duke per un periodo di nove anni hanno scoperto che quando i valori di pressione arteriosa sistolica dei pazienti è sceso al di sotto di 95 o superiore a 135 è andato, ci era un maggiore rischio di morte entro il mese successivo, con il rischio di morte aumenta con la quantità e la durata della deviazione da tale intervallo.

"Questa è la prima volta che qualcuno ha definito il range ottimale per la gestione della pressione arteriosa durante queste procedure", spiega Aronson, che aggiunge che diverse categorie potrebbe essere più appropriato per altri tipi di chirurgia.

Aronson dice la gestione della pressione sanguigna è diventata una responsabilità del genere di routine durante l'intervento chirurgico che i medici possono avere sviluppato un atteggiamento di "inerzia terapeutica."Questi dati suggeriscono che deriva fuori strada e sulla spalla quando si guida non è un bene per voi. Stiamo cominciando a definire la larghezza della strada."

"Abbiamo ancora una lunga strada da percorrere prima di poter comprendere e gestire gli effetti sottili e complessi che mirate controllo della pressione arteriosa ha sulla salute generale con successo", dice. "Solo perché la pressione alta è un problema comune non significa che sappiamo meglio come trattare con esso."

Sia Aronson e Granger sono pagati consulenti per The Medicines Company, che ha sostenuto la creazione del nuovo, acuto, grave ipertensione registro presso la Duke e sta anche sviluppando un farmaco sperimentale per la gestione della pressione alta.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha