Heat shock protein può ripristinare danni ai nervi in ​​topi diabetici

Giugno 22, 2016 Admin Salute 0 1
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

I ricercatori sono stati in grado di utilizzare una proteina chaperone comuni, Hsp70, per invertire la perdita di funzione nei nervi di topi con diabete.

Scrivendo in ASN NEURO, Michael J. urbana e colleghi presso l'Università del Kansas suggeriscono che Hsp70 potrebbe essere utilizzato in futuro per curare la perdita di sensibilità agli arti che affligge molti diabetici.

Neuropatia periferica diabetica (DPN) è una complicanza comune di diabete e porta ad alti livelli di dolore, la morte dei neuroni sensoriali e intorpidimento delle estremità. Causata da un aumento dei livelli di glucosio nel sangue che portano alla vasocostrizione, ipossia neuronale e glicosilazione dannoso di proteine ​​chiave, è stata una condizione difficile da curare, con trattamenti limitati al controllo del glucosio pesante e la gestione del dolore.




Tuttavia, questo nuovo studio, basata soprattutto sulla regolazione di Hsp70 inibendo l'attività della proteina regolatrice di Hsp70, Hsp90, ha portato allo storno di degenerazione neuronale nei topi con DPN. Hsp90, un regolatore chiave di Hsp70 e la risposta cellulare heat shock (HSR), ha avuto la sua attività inibita da un nuovo inibitore C-terminale, KU-32. Il conseguente aumento dell'attività Hsp70 è creduto per invertire DPN dalla capacità di Hsp70 di ripiegare proteine ​​aggregate e danneggiate, mentre Hsp70 offre sollievo dal dolore per la sua capacità di bloccare l'attività della proteina chinasi JNK.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha