Homing In sui geni della pressione sanguigna può portare a terapie mirate

Maggio 13, 2016 Admin Salute 0 1
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

WASHINGTON DC, 23 SET - Per la prima volta, i ricercatori havemapped una posizione genetica che spiega perché alcuni farmaci-bloodpressure abbassamento non sono efficaci per alcune persone, secondo toresearchers al convegno dell'American Heart Association High Blood PressureResearch 2005.

"I risultati ci portano un passo avanti verso lo sviluppo di targetedtherapies per i pazienti con pressione alta che altrimenti bestarted su farmaci che non aiuteranno," ha detto l'autore SandoshPadmanabhan, Ph.D., registrar specialista presso il centro di ricerca britannico HeartFoundation Glasgow cardiovascolare presso l'Università ofGlasgow in Scozia.

Trovare i geni che determinano la risposta di una persona toantihypertensive farmaci è fondamentale per una terapia efficace e anche forunderstanding la causa della malattia, ha detto. Secondo AmericanHeart Association, circa 65 milioni di americani hanno ipertensione pressureand circa il 25 per cento di loro sono in terapia, ma non hanno itunder controllo.




Pressione sanguigna obiettivo è inferiore a 140/90 mmHg, o inferiore a 130/80 mm Hg per quelli con diabete o malattie renali.

Incontrollata alta pressione sanguigna può portare a ictus, heartattack, insufficienza cardiaca e/o insufficienza renale. Il mondo HealthOrganization stima che ottimale della pressione arteriosa è responsiblefor 62 per cento delle malattie cerebrovascolari e il 49 per cento delle malattie ischemicheart.

La causa del 90 per cento al 95 per cento dei casi di pressione highblood non è noto, ma è probabilmente dovuto a molteplici fattori ambientali genesand.

I ricercatori hanno cercato di identificare i geni responsiblefor alta pressione sanguigna. Ma la maggior parte degli studi sono stati inconcludenti, "probabilmente perché molti geni lavorano insieme", Padmanabhansaid.

Il team di ricerca del Regno Unito ha studiato un largegroup di gravemente ipertesi famiglie caucasiche per cercare di identifythe posizione di alcuni di questi geni. Una volta che sanno che la posizione di thegene o geni, sarà più facile per effettivamente individuare, Padmanabhanexplained.

L'indagine (studio luminoso MRC) comprendeva 2.142 Caucasianfamilies con ipertensione grave. I ricercatori hanno osservato quali farmaci partecipanti thestudy stavano prendendo a controllare loro ipertensione andmeasured loro pressione sanguigna dopo il trattamento.

I ricercatori hanno identificato 89 coppie di fratelli che hanno fatto notrespond di ACE-inibitori e beta-bloccanti e 76 coppie di fratelli whodid non rispondono ai calcio-antagonisti e diuretici. Per purposesof lo studio, la mancanza di risposta è stata definita come un mancato raggiungimento targetblood livelli di pressione di 140/90 mmHg o una riduzione nel sangue pressureof meno di 20 punti.

I ricercatori hanno poi raccolti e analizzati campioni di DNA fromall i fratelli. Utilizzando analisi di linkage genome-wide, si trovano ACodice regionaleB sul cromosoma 2 che sembra essere coinvolto nel causare pressione highblood in persone che non rispondono agli ACE inibitori e beta-bloccanti.

"In altre parole, la stessa variazione di marcatori genetici onchromosome 2 era significativamente più probabilità di essere trovati in Thenon-responder rispetto a persone che hanno risposto ad ACE inibitori bloccanti andbeta", ha detto Padmanabhan.

Afro-americani, non Caucasici, tipicamente havesalt sensibili alta pressione sanguigna che non risponde a ACEinhibitors e beta-bloccanti, ha detto. E guarda caso, uno studio ha dimostrato che recentAmerican pressione alta in Africa Americansmaps per questo esatto stessa regione cromosomica.

Nel loro insieme, "gli studi dimostrano che vi è una stronglikelihood che questa regione sul braccio corto del cromosoma 2 mayContain il gene oi geni responsabili di una forma di sale-sensibile ofhypertension che non risponde agli ACE-inibitori e beta-bloccanti,", ha detto Padmanabhan.

Il prossimo passo, ha detto è quello di individuare l'esatto geni geneor mutanti responsabili di questa risposta ai farmaci. "Sapere che notrespond ad alcuni farmaci ci permetterà di personalizzare il trattamento per maximumbenefit e meno effetti collaterali", ha detto Padmanabhan.

Co-autori sono Chris Wallace, Ph.D .; Patricia B. Munroe Ph.D., Morris Brown, F.R.C.P .; Nilesh Samani, F.R.C.P .; David Clayton, Ph.D., Martin Farrall, Ph.D .; John Webster, F.R.C.P .; Mark Lathrop, Ph.D., Mark Caulfield, F.R.C.P .; Anna F. Dominiczak, F.R.C.P .; e John M.Connell, F.R.C.P.

###
(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha