Hub molecolare collega l'obesità, malattie cardiache ad alta pressione sanguigna

Giugno 23, 2016 Admin Salute 0 5
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

L'obesità, malattie cardiache, e la pressione alta (ipertensione) sono tutti collegati, ma capire i meccanismi molecolari che sono alla base di causa ed effetto è complicato.

Un nuovo studio dell'Università di Iowa identifica una proteina all'interno di alcune cellule cerebrali come hub di comunicazione per il controllo della pressione sanguigna, e suggerisce che l'attivazione di questa proteina anomala può essere un meccanismo che lega le malattie cardiovascolari e l'obesità di pressione sanguigna elevata.

"Le malattie cardiovascolari sono la principale causa di morte in tutto il mondo, e l'ipertensione è un importante fattore di rischio cardiovascolare", dice Kamal Rahmouni, UI professore associato di farmacologia e medicina interna, e autore senior studio. "Il nostro studio identifica la proteina chiamata mTORC1 nell'ipotalamo come un attore chiave nel controllo della pressione sanguigna. Targeting percorsi mTORC1 può, quindi, essere una strategia promettente per la gestione dei fattori di rischio cardiovascolare".




L'ipotalamo è una piccola regione del cervello che è responsabile del mantenimento della funzione normale per numerosi processi corporei, tra cui la pressione arteriosa, temperatura corporea, e livelli di glucosio. Segnalazione di proteine ​​mTORC1 nell'ipotalamo è stato precedentemente mostrato di influenzare l'assunzione di cibo e il peso corporeo.

Il nuovo studio, che è stato pubblicato il 2 aprile nella rivista Cell Metabolism, dimostra che la proteina mTORC1 è attivato da piccole molecole e ormoni che sono associati con l'obesità e malattie cardiovascolari, e questa attivazione porta ad aumenti drammatici della pressione sanguigna.

Leucina è un amminoacido che si ottiene dal cibo, che è noto per attivare mTORC1. I ricercatori hanno dimostrato che l'attivazione di interfaccia utente mTORC1 nel cervello di ratto con leucina maggiore attività nei nervi che collegano il cervello al rene, un organo importante nel controllo della pressione sanguigna. La maggiore attività del nervo è stato accompagnato da un aumento della pressione sanguigna. Al contrario, bloccando l'attivazione di mTORC1 smussati in modo significativo effetto-innalzamento della pressione sanguigna di leucina.

Questa scoperta potrebbe avere rilevanza clinica diretta da elevati livelli di leucina sono stati correlati ad un aumentato rischio di alta pressione sanguigna nei pazienti con malattie cardiovascolari.

"Il nostro nuovo studio suggerisce un meccanismo attraverso il quale leucina nel sangue può aumentare la pressione sanguigna", spiega Rahmouni.

Il lavoro precedente ha anche suggerito che mTORC1 è un hub di segnalazione per la leptina, un ormone prodotto dalle cellule adipose, che è stato implicato in ipertensione obesità-correlati.

Rahmouni ed i suoi colleghi hanno dimostrato che la leptina attiva mTORC1 in una parte specifica dell'ipotalamo che causa una maggiore attività nervosa e un aumento della pressione sanguigna. Questi effetti sono bloccati inibendo l'attivazione di mTORC1.

"Il nostro studio dimostra che quando questa proteina viene attivata o inibita in modo molto specifico, può causare drammatici cambiamenti della pressione sanguigna", spiega Rahmouni. "Data l'importanza di questa proteina per il controllo della pressione sanguigna, qualsiasi anomalia nella sua attività potrebbe spiegare l'ipertensione associata con determinate condizioni come l'obesità e malattie cardiovascolari."

Rahmouni e il suo team sperano che scoprire i dettagli dei percorsi che collegano attivazione mTORC1 e pressione alta potrebbe portare a trattamenti più efficaci per la pressione alta nei pazienti con malattie cardiovascolari e obesità.

La ricerca è stata finanziata dal National Institutes of Health (HL084207 e HL014388), l'American Diabetes Association, e la Fraternal Order of Eagles Diabetes Research Center presso l'interfaccia utente.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha