Human-to-Umano Transmission possibile nel recente epidemia di influenza aviaria, che riferisce

Maggio 28, 2016 Admin Salute 0 0
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

I test di laboratorio hanno confermato altri 2 casi di infezione umana da influenza aviaria H5N1 in Vietnam. Entrambi sono morti.

I due morti annunciate oggi erano sorelle, di età compresa tra 23 e 30 anni. Entrambe le donne si sono ammalate il 10 gennaio, sono stati ricoverati in ospedale il 13 gennaio, ed è morto il 23 gennaio. I risultati dei test locale iniziale di questi due casi sono stati inconcludenti. Conferma ufficiale di oggi segue più approfonditi test in un laboratorio di riferimento dell'OMS influenza di Hong Kong.

Complessivamente, 10 casi di infezione umana da influenza aviaria H5N1 sono stati confermati in Viet Nam. Di questi 10 casi, 8 sono morti, si è recuperato e si rimane in ospedale.




Indagine su un cluster di famiglia

Le due sorelle che sono morti fanno parte di un gruppo di quattro casi di grave malattia respiratoria in una famiglia della provincia di Thai Binh. Il cluster comprende le due sorelle, il fratello, e sua moglie, che ha pienamente recuperato. Il fratello è stato ricoverato in Hanoi con una grave malattia respiratoria, il 7 gennaio ed è morto il 12 gennaio. Nessun campioni erano disponibili per il test.

Un'indagine dettagliata di questo cluster è stato intrapreso da OMS, Istituto Nazionale di Igiene ed Epidemiologia del Viet Nam, e funzionari sanitari locali.

Ad oggi, l'inchiesta non è stata in grado di identificare definitivamente la fonte di infezione per le due sorelle. Con l'eccezione di questo gruppo familiare, tutti i casi umani nel focolaio Vietnam sono stati collegati a contatto con pollame infetto.

A Hong Kong nel 1997, studi approfonditi, utilizzando i dati sia molecolari ed epidemiologici, infine collegati tutti i 18 casi di infezione da H5N1 umano a contatto con pollame vivo infetto.

Oltre a questi 18 casi, l'OMS rileva che le prove di laboratorio indicato trasmissione molto limitata da uomo a uomo durante l'epidemia H5N1 a Hong Kong, e nel corso di una epidemia di influenza aviaria 2003 H7N7 ad alta patogenicità in Olanda. Tuttavia, nessun caso di gravi malattie negli esseri umani si è verificato come risultato di questa trasmissione secondaria molto limitata.

Nel gruppo familiare corrente di casi in Viet Nam, OMS ritiene che la trasmissione limitata da uomo a uomo, dal fratello alle sorelle, è una possibile spiegazione. L'inchiesta non ha rivelato un evento specifico, come il contatto con pollame infetto o da una sorgente ambientale, che potrebbe spiegare la fonte di infezione in questi casi. Tuttavia, come l'infezione da H5N1 nel pollame è molto diffusa in Viet Nam, trasmissione diretta dal pollame agli esseri umani non può essere completamente escluso, sulla base degli elementi disponibili.

Allo stato attuale, alcuna evidenza indica che la trasmissione efficiente da uomo a uomo si sta verificando in Vietnam o altrove. OMS e la salute autorità in Viet Nam e nel mondo stanno continuando a valutare l'epidemia in termini di evoluzione epidemiologica. Casi umani sono oggetto di indagine per identificare la fonte dell'infezione, e le prove fino ad oggi è rassicurante.

Le squadre che stanno sostenendo le indagini nazionali in Viet Nam e in Thailandia, e arriverà presto in altri paesi che hanno richiesto tale sostegno.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha