I bambini che sviluppano l'asma hanno deficit di funzionalità polmonare come neonati, studio suggerisce

Aprile 9, 2016 Admin Salute 0 1
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

I bambini che sviluppano l'asma all'età di sette anni hanno deficit della funzione polmonare e maggiore reattività bronchiale come neonati, un nuovo studio condotto da ricercatori in Danimarca suggerisce.

"Precedenti ricerche sul rapporto tra funzione polmonare neonatale e lo sviluppo di asma è stato in conflitto", ha detto l'autore Hans Bisgaard, MD, DMSci, professore di pediatria presso l'Università di Copenaghen e responsabile del Centro Danese asma pediatrico. "Il nostro studio dimostra che i bambini con asma all'età di sette anni già avuto significativi deficit di flusso d'aria e una maggiore responsività bronchiale come neonati. Disavanzi funzionalità polmonare anche progredito durante l'infanzia nel nostro studio, suggerendo una potenziale opportunità di intervento precoce."

I risultati sono stati pubblicati online prima della pubblicazione stampa della American Thoracic Society American Journal of respiratorie e Critical Care Medicine.




Lo studio prospettico ha arruolato una coorte di nascita di 411 bambini a rischio di madri asmatiche. La spirometria è stata eseguita a un mese di 403 (98 per cento) dei bambini e di nuovo all'età di sette anni a 317 (77 per cento).

Significativi deficit di flusso d'aria neonatali, misurata in termini di flusso espiratorio forzato al 50 per cento% della capacità vitale e volume espiratorio forzato dopo 0,5 secondi, sono state osservate tra il 14 per cento dei bambini che hanno sviluppato l'asma all'età di sette anni. Reattività bronchiale alla metacolina, che provoca il restringimento delle vie aeree, è stato anche significativamente associato con lo sviluppo di asma. Neonatale reattività delle vie aeree è un forte predittore di asma rispetto funzione polmonare neonatale.

"Abbiamo scoperto che circa il 40% del deficit flusso d'aria che è stato associato con l'asma in nostro studio è stato presente alla nascita, mentre il 60% ha sviluppato attraverso la prima infanzia insieme con la malattia", ha osservato il dottor Bisgaard. "Questo indica che entrambi i meccanismi di infanzia prenatale e precoce sono potenziali obiettivi di intervento per la prevenzione dell'asma."

Lo studio ha utilizzato un campione di studio omogeneo, che potrebbe limitare l'estrapolazione dei risultati ad altre popolazioni.

"Sembra che i cambiamenti di funzione polmonare associati con asma si verificano molto presto nella vita e forse anche prima della nascita", ha concluso il dottor Bisgaard. "Questo potrebbe spiegare la mancanza di effetto di un intervento precoce con corticosteroidi per via inalatoria e dovrebbe dirigere la ricerca sulla patogenesi e la prevenzione dell'asma verso le prime fasi della vita."

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha