I batteri possono contribuire a nascite premature, malattie a trasmissione sessuale

Aprile 4, 2016 Admin Salute 0 4
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Una nuova ricerca della Washington University School of Medicine in St. Louis indica una specie comune di batteri come un importante contributo per vaginosi batterica, una condizione legata alla nascita pretermine e aumento del rischio di malattie sessualmente trasmissibili.

La condizione colpisce una donna su tre, il che rende più comune di infezioni da lieviti. Ma vaginosi batterica, spesso non provoca sintomi significativi, lasciando molte donne non sanno di averlo.

"Vaginosi batterica può precipitare significativi problemi di salute, ma non è un argomento di conversazione tra i pazienti ed i loro ginecologi", dice Amanda Lewis, PhD, assistente professore di microbiologia molecolare. "I nostri risultati, che provengono da nuovi modelli sperimentali di condizione, può essere un primo passo verso una migliore comprensione di come trattare vaginosi batterica e prevenire gravi complicanze legate con la condizione."




Vaginosi batterica si verifica quando il tipico mix di microbi nella vagina viene buttato fuori venendo meno. In alcuni casi, vaginosi batterica provoca una variazione della consistenza dei fluidi vaginali e un odore sgradevole. La condizione è diagnosticata attraverso l'esame della vagina e test dei fluidi vaginali. I medici di solito trattano con antibiotici, ma la condizione ricorre spesso.

Lewis ei suoi colleghi hanno recentemente pubblicato back-to-back articoli su vaginosi batterica, la prima in Journal of Biological Chemistry e il secondo su PLoS One.

Decine di specie di batteri sono stati collegati con vaginosi batterica, portando ad accesi dibattiti nella comunità scientifica su cui i batteri in realtà causano la condizione e le sue complicanze. La nuova ricerca dimostra che gli strati di muco e le cellule che rivestono la superficie della vagina sono danneggiate in donne con vaginosi batterica e suggerisce che un singolo organismo, Gardnerella vaginalis, è probabile che la causa.

G. vaginalis si trova comunemente nei liquidi vaginali delle donne con vaginosi batterica e in alcune donne che non hanno la condizione. Quest'ultimo aveva portato molti ricercatori di respingere potenziali contributi del batterio di vaginosi batterica.

Lavorare in topi per simulare questa condizione, Nicole Gilbert, PhD, borsista postdottorato, ha dimostrato che G. vaginalis causa un aumento spargimento delle cellule più esterni che coprono il rivestimento vaginale.

"Pensiamo che il rivestimento vaginale è sparso come parte dello sforzo del corpo di eliminare i batteri", dice Gilbert. "Tuttavia, questo spargimento può anche esporre i tessuti sottostanti sensibili. Questo può essere importante per capire il motivo per cui le donne con vaginosi batterica sono più suscettibili alle malattie sessualmente trasmissibili e infezioni del tratto urinario."

Sulla base delle loro osservazioni nei topi, i ricercatori hanno confrontato i campioni vaginali da donne con e senza vaginosi batterica e ha scoperto che le cellule più esterni del rivestimento della vagina sono capannone in numeri più alti durante vaginosi batterica.

"Questa è la prima volta, a nostra conoscenza, che la presenza di un aumento del numero di cellule capannone è stato rilevato in vaginosi batterica negli esseri umani", dice Lewis. "Questi risultati suggeriscono anche che G. vaginalis è la causa di questo aumento."

I ricercatori hanno esaminato la capacità di G. vaginalis di degradare il muco, che normalmente aiuta a proteggere la vagina e l'utero dalle infezioni.

Utilizzando approcci biochimici, Warren Lewis, PhD, istruttore ricerca in medicina, e Lloyd Robinson, PhD, tecnico di ricerca, ha dimostrato che il batterio utilizza un enzima chiamato sialidasi staccare acidi sialico, che sono una parte importante e abbondante di muco.

Il gruppo di ricerca ha dimostrato che il batterio rompe non solo barriere muco, ma rende anche un pasto di alcuni dei componenti che libera dalle barriere.

Quando i ricercatori hanno testato campioni di muco vaginale da donne con vaginosi batterica, hanno trovato bassi livelli di acidi sialici rispetto alle donne che non hanno avuto la condizione. Mice aveva anche bassi livelli di acidi sialici vaginali dopo l'infezione da G. vaginalis.

"Questa è la prima volta che un batterio associato vaginosi ha dimostrato di partecipare degrado muco" dice Lewis. "Questo è importante perché l'infezione uterina è una causa comune di parto pretermine e probabilmente richiede degradazione del tappo di muco, una struttura fisica che protegge l'utero in gravidanza dai batteri nella vagina."

Questo lavoro è stato supportato dal March of Dimes, l'Ospedale Fondazione Barnes-Jewish e l'American Heart Association. Il lavoro degli animali è stato eseguito in una struttura sostenuta da un Centro Nazionale per la Ricerca Risorse concessione C06RR012466.

Gilbert NM, Lewis WG, Lewis AL. Le caratteristiche cliniche di vaginosi batterica in un modello murino di infezione vaginale con Gardnerella vaginalis. PLoS ONE, pubblicato online.

Questo lavoro è stato supportato dal March of Dimes, l'Ospedale Fondazione Barnes-Jewish, l'American Heart Association e in parte dal NIH concedere P50DK064540-11

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha