I beta-bloccanti prima dell'intervento collegati alla riduzione del rischio di eventi cardiaci

Giugno 12, 2016 Admin Salute 0 1
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Dare i farmaci beta-bloccanti per pazienti con cardiopatia sottoposti a chirurgia non cardiaca sembra essere associato ad un più basso rischio di morte e di eventi avversi cardiovascolari maggiori (MACE) a 30 giorni dopo l'intervento chirurgico nei pazienti con scompenso cardiaco (HF) o di un recente infarto miocardico (MI , infarto), secondo uno studio pubblicato da JAMA Internal Medicine, una pubblicazione JAMA rete.

L'effetto dei beta-bloccanti sul rischio cardiaco di chirurgia non cardiaca è stato controverso, con le linee guida cliniche incoraggiando l'utilizzo tra le critiche che le prove a sostegno della pratica è debole, gli autori scrivono sullo sfondo di studio. Questi sono i beta-bloccanti dato dai medici per i pazienti al momento dell'intervento, non i pazienti beta-bloccanti sono prescritti per prendere come terapia di mantenimento per il trattamento di malattie cardiache croniche.

Charlotte Andersson, MD, Ph.D., della University Hospital di Copenhagen, in Danimarca, e colleghi hanno identificato i pazienti nei registri danesi a livello nazionale che hanno avuto la cardiopatia ischemica (infarto prima, angina) con o senza HF e con o senza una storia di MI sottoposti a chirurgia non cardiaca tra ottobre 2004 e dicembre 2009 i ricercatori hanno misurato l'associazione tra l'uso di beta-bloccanti e di MACE e per tutte le cause di mortalità.




Dei 28.263 pazienti con malattia cardiaca che hanno avuto un intervento chirurgico, 7.990 (28,3 per cento) aveva HF e 20.273 (71,1 per cento) non ha fatto. Beta (β) b-bloccanti sono stati utilizzati in 4262 (53,3 per cento) dei pazienti con scompenso cardiaco e in 7.419 (36,6 per cento) pazienti senza HF.

I risultati dello studio suggeriscono che tra i pazienti con scompenso cardiaco, con beta-bloccanti è stato associato con un minor rischio di MACE e di mortalità, ma tra i pazienti senza HF non c'era alcuna associazione tra l'uso di beta-bloccanti e MACE o mortalità. Tra i pazienti senza HF, l'uso di beta-bloccanti è risultato associato a un minor rischio di MACE e di mortalità tra coloro che hanno avuto un recente MI negli ultimi due anni.

"In conclusione, l'uso di β-bloccanti nei pazienti con cardiopatia ischemica e HF o recente MI sottoposti a chirurgia non cardiaca è associata a un ridotto sostanzialmente il rischio di eventi avversi cardiovascolari maggiori e la mortalità per tutte le cause entro 30 giorni dopo l'intervento chirurgico", concludono gli autori .

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha