I biomarcatori possono rivelare la sindrome dell'intestino irritabile

Marzo 15, 2016 Admin Salute 0 10
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Sindrome dell'intestino irritabile (IBS) è difficile da diagnosticare e trattare, ma i ricercatori dell'Accademia Sahlgrenska, presso l'Università di Göteborg, in Svezia, hanno scoperto un modo per confermare la malattia utilizzando campioni di feci.

Sindrome dell'intestino irritabile (IBS) causa problemi cronici o ricorrenti con dolore e disagio addominale con cambiamenti nelle abitudini intestinali. La sindrome è comune e si crede di essere legato alla disfunzione dello stomaco e dell'intestino, ma la nostra comprensione di IBS è incompleta, il che rende difficile diagnosticare e trattare.

Specifiche proteine ​​identificate




I ricercatori dell'Accademia Sahlgrenska hanno ora identificato proteine ​​specifiche che possono essere utilizzate per identificare i pazienti con IBS:

"Le proteine ​​stiamo indagando, granins, si trovano in varie forme con diverse funzioni del sistema nervoso, immunitario e digestivo", spiega il ricercatore Lena Цhman. "I nostri studi dimostrano che i pazienti con IBS hanno livelli più elevati di alcuni granins e livelli più bassi di altri nelle loro feci."

Speranza per nuovi trattamenti

Sono necessari ulteriori studi, ma se granins possono essere usati per diagnosticare IBS, si spera che questo contribuirà allo sviluppo di nuovi trattamenti.

Lo studio, che ha confrontato 82 pazienti con IBS con 29 soggetti sani, è stato pubblicato sull'American Journal of Gastroenterology.

Granins (cromogranina A) sono stati precedentemente dimostrato di servire come biomarcatori per altre malattie infiammatorie dell'intestino, come la colite ulcerosa e la malattia di Crohn. Il presente studio ha esaminato le varianti secretogranin II e cromogranina B e trovato che i pazienti con IBS hanno alti livelli di livelli precedenti e bassi di questi ultimi.

Sindrome dell'intestino irritabile (IBS):

IBS colpisce circa il 10-20% della popolazione e causa problemi cronici o ricorrenti con dolore e/o disagio addominale, insieme a cambiamenti nelle abitudini intestinali. Le cause sono largamente sconosciuti, ma disturbi della flora intestinale e un cambiamento nella configurazione della difesa immunitaria intestinale sono state messo in discussione come possibili fattori dietro i sintomi. Non vi è attualmente alcuna cura per IBS, ma in molti casi i sintomi possono essere alleviati.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha