I cambiamenti climatici un fattore in spread malaria

Marzo 19, 2016 Admin Salute 0 3
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Il cambiamento climatico è una delle ragioni per la malaria è in aumento in alcune parti del mondo, la nuova ricerca rileva, ma altri fattori come la migrazione e di uso del suolo cambiamenti sono probabilmente anche in gioco. La ricerca, pubblicata in The Quarterly Review of Biology, ha lo scopo di risolvere le contraddizioni che sono emerse come gli scienziati cercano di capire il motivo per cui la malaria si è diffuso in aree degli altipiani dell'Africa orientale, Indonesia, Afghanistan e altrove.

"Abbiamo valutato ... conclusioni da entrambe le parti e abbiamo scoperto che le prove per un ruolo del clima nella dinamica è robusto," autori dello studio Luis Fernando Chaves dalla Emory University e Constantianus Koenraadt di Wageningen nei Paesi Bassi. "Tuttavia, abbiamo anche sostenere che un eccessivo accento un ruolo per il clima è fuorviante per impostare un programma di ricerca, anche quella che cerca di comprendere l'impatto del cambiamento climatico sui modelli di malaria emergenti."

La malaria, una malattia parassitaria diffusa all'uomo dalle zanzare, è comune in climi caldi dell'Africa, Sud America e Asia meridionale. Lo sviluppo e la sopravvivenza, sia della zanzara e il parassita della malaria sono molto sensibili alle quotidiane e stagionali modelli di temperatura e tradizionalmente la malattia è stata rara nelle aree di altopiano più fresche. Nel corso degli ultimi 40 anni, tuttavia, la malattia si è diffusa fino agli altipiani, e molti studi collegano la diffusione al riscaldamento globale. Ma questa conclusione è tutt'altro che unanime. Altri studi hanno trovato alcuna prova di riscaldamento in regioni montuose, escludendo così il cambiamento climatico come un driver per malaria altopiano.




Chaves e Koenraadt ri-esaminato più di 70 di questi studi. Essi hanno scoperto che gli studi di governo un ruolo per il cambiamento climatico in malaria altopiano spesso utilizzano strumenti statistici inadeguati, mettendo in dubbio le loro conclusioni.

Ad esempio, un 2002 di studio spesso citato degli altipiani Kericho del Kenya occidentale non ha trovato tendenza al riscaldamento nella zona. Ma quando Chaves e Koenraadt correvano gli stessi dati di temperatura di questo studio attraverso tre ulteriori test statistici, ogni prova ha indicato una significativa tendenza al riscaldamento. Errori statistici simili affliggono altri studi analoghi, dicono i ricercatori.

Al contrario, la maggior parte degli studi che concludono che il cambiamento climatico sta infatti svolgendo un ruolo nella malaria altopiano tendono ad essere statisticamente forte, Chaves e Koenraadt trovato. Ma solo perché il clima è un fattore che influenza la diffusione della malaria non significa che è l'unico. Ciò che è necessario, dicono i ricercatori, è un approccio di ricerca che unisce il clima con altri fattori possibili.

"Anche se le tendenze di temperatura sono molto piccole, gli organismi possono amplificare questi piccoli cambiamenti e che potrebbero causare una trasmissione del parassita aumento", ha detto Chaves. "Altri dati biologici miglioreranno la nostra comprensione globale della malaria e consentirà agli scienziati di proporre modelli più generali e accurate sugli impatti dei cambiamenti climatici sulla trasmissione della malaria."

Gli autori citano numerosi fattori che possono interagire con il clima di influenzare la diffusione della malaria. Essi indicano la ricerca mostra che le persone che migrano da pianure possono essere introducendo il parassita della malaria in regioni montuose. I cambiamenti nelle pratiche agricole possono anche svolgere un ruolo. Irrigazione associata con l'agricoltura più intensiva può essere la creazione di più posti per le zanzare per riprodursi. Un altro esempio viene da due studi che collegavano gli aumenti malaria negli altopiani dell'Etiopia Bure a maggiore coltivazione del mais. Lì, gli stadi immaturi e acquatici di zanzare prosperano su una dieta di polline di mais, e più zanzare possono significare più malaria.

"Una sfida importante futuro sarà quella di collegarsi ciò che accade con le zanzare e parassiti a livello familiare con scenari di cambiamento climatico a lungo termine su scala continentale", ha detto Koenraadt.

La diffusione della malaria in altopiani è di grande preoccupazione per coloro che lavorano per contenere la malattia. Ma capire i molti fattori che influenzano la diffusione della malaria altopiano potrebbe contribuire agli sforzi per controllare la malattia in tutto il mondo, Chaves e Koenraadt concludono.

"Alla luce degli sforzi globali verso l'eliminazione della malaria, zone dell'altopiano saranno interessanti spunti da cui gli sforzi di controllo potrebbero interrompere la trasmissione e gli aiuti in contrazione del mondo malaria mappa." Koenraadt detto.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha