I cambiamenti nelle funzioni del DNA epigenetici link diabete predisposizione alla malattia di Alzheimer

Giugno 23, 2016 Admin Salute 0 2
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Il diabete e la demenza sono in aumento drammaticamente negli Stati Uniti e nel mondo. Negli ultimi anni, i dati epidemiologici ha accumulato dimostrare che le persone anziane con diabete sono significativamente più probabilità di sviluppare il deterioramento cognitivo e maggiore suscettibilità alle insorgenza di demenza correlata alla malattia di Alzheimer. Ora, un gruppo di ricerca guidato da Giulio Maria Pasinetti, MD, PhD, il presidente Saunders Famiglia e Professore Ordinario di Neurologia presso la Facoltà di Medicina Icahn al Monte Sinai, ha scoperto un nuovo meccanismo attraverso cui questo può accadere. I risultati sono stati pubblicati online il 23 ottobre sulla rivista Diabetes.

Dr. Pasinetti e colleghi hanno individuato cambiamenti nel cervello post-mortem di soggetti umani. Hanno riferito che l'espressione del gene era disfunzionale nel cervello di soggetti umani diabetici, e questo aumento è stato associato ad una ridotta espressione di molecole importanti che svolgono un ruolo fondamentale nel mantenere l'integrità strutturale delle regioni del cervello associate con l'apprendimento.

Eccitato da questa scoperta, il dottor Pasinetti ragionò che se l'ipotesi era corretta, condizioni simili dovrebbero essere ripetuti in laboratorio inducendo diabete nei topi geneticamente predisposti a sviluppare il deterioramento della memoria di tipo Alzheimer. In realtà, il laboratorio del Dr. Pasinetti ha confermato questa previsione nel modello murino, supportando l'ipotesi che il diabete, attraverso i cambiamenti epigenetici nel cervello, possono casualmente promuovere l'insorgenza e la progressione della malattia di Alzheimer. Cambiamenti epigenetici sono cambiamenti chimici nel DNA che l'espressione genica effetto, ma non modificano il codice genetico attuale.




"Questa nuova prova è estremamente intrigante, dato che circa il 60 per cento dei pazienti con malattia di Alzheimer hanno almeno una grave condizione medica associata con diabete", ha detto il dottor Pasinetti. "Ciò aggiunge è tanto necessaria comprensione del potenziale meccanismo che potrebbe spiegare il rapporto tra diabete e malattie insorgenza di Alzheimer e la progressione da meccanismi attraverso i quali le funzioni del DNA."

La scoperta nel laboratorio del Dr. Pasinetti ha implicazioni sociali impressionanti. Più di 5 milioni sono affetti da morbo di demenza di Alzheimer, e l'incidenza della malattia è previsto a salire alle stelle nei tre decenni l'invecchiamento della popolazione.

"La prossima domanda che dobbiamo porci è come possiamo tradurre questo nello sviluppo di nuove strategie di prevenzione e trattamento delle malattie," Dr Pasinetti aggiunto. "Se siamo in grado di scoprire come modificazione epigenetica del DNA può essere manipolato farmacologicamente, questi studi saranno strumentali nella formulazione di nuovi trattamenti e le possibili strategie di prevenzione nella malattia di Alzheimer.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha