I fisici Fornire 'Guiding Hands' Per Proton Therapy

Aprile 7, 2016 Admin Salute 0 0
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Terapia Proton offre grandi vantaggi come modalità di trattamento in oncologia radiazioni per una varietà di tumori difficili da trattare. Mentre i medici gestiscono il trattamento delle persone, dietro le quinte, i fisici di protoni hanno un ruolo cruciale, il sostegno e le linee guida per la pianificazione del trattamento per il calcolo delle distribuzioni di dose, misure di consegna radiazioni, le valutazioni dei dati fascio di protoni, la garanzia della qualità di tutte le apparecchiature di misura e dell'acceleratore di protoni, e la calibrazione dei fasci di protoni, tutti essenziali per i risultati del trattamento di successo.

Rendere la maggior parte delle caratteristiche di fasci di protoni è il ruolo di una squadra al MD Anderson Cancer Center utilizzando una macchina protonica trattamento di tumori cancerosi. La terapia Proton è un metodo preferito di trattamento in cui la dose di radiazioni limitata a organi critici è fondamentale, una scelta che potrebbe non essere possibile raggiungere in alcuni casi, quando le persone sono trattate con radiazioni di fotoni ad alta energia. Ciò è particolarmente utile in casi come irradiazione craniospinale per tumori pediatrici del sistema nervoso centrale o per il trattamento di persone con cancro del polmone dove dose può essere limitata al tumore senza influire vicina tessuti e organi.

Attualmente due tecniche sono utilizzate per la consegna di fasci di protoni. Fasci di protoni passivamente sparsi forniscono dose uniforme il tumore e una piccola regione di tessuto adiacente e sono sagomati lateralmente da aperture e distalmente dal compensatori per ridurre la dose al tessuto sano. MD Anderson Cancer Center ha sperimentato una seconda tecnica in Nord America, che utilizza un fascio di matita di concentrare la dose. Il fascio matita consegna della dose al tumore in molti punti diversi e molteplici livelli all'interno del tumore, riducendo drasticamente la dose ai tessuti sani rispetto a fasci di protoni passivamente sparsi. La tecnica non utilizza aperture e compensatori ma limita invece la dose selezionando i punti confinati all'interno del tumore. Il calcolo della dose e la precisione della somministrazione di questi fasci matita è un processo complesso, ma offre grandi vantaggi risparmiando il tessuto sano.




Mentre la terapia protonica sta migliorando sia il trattamento e la qualità della vita per le persone con tumori, c'è ancora molto da imparare in modo da massimizzare i benefici di questa modalità di trattamento. Dose consegna in un supporto non omogenei come il corpo umano ha bisogno di essere ulteriormente compresa e studiata per assicurare calcolo della dose più accurato per la consegna dose ottimale al tumore, risparmiando il tessuto circostante, un grosso vantaggio di terapia protonica. Il team MD Anderson spera che il loro lavoro sarà di beneficio agli altri in campo. Dr. Bijan Arjomandy, un fisico al MD Anderson Proton Therapy Center di Houston, spiega, "Ci auguriamo che, condividendo le nostre esperienze nello sviluppo di tale programma di QA, forniremo una panoramica di nuove strutture di terapia protonica solo dei loro programmi", ha dice.

La ricerca è stata descritta nel discorso, "Una panoramica di garanzia della qualità Proton macchina presso l'Università del Texas MD Anderson Cancer Center," ha presentato 31 Luglio 2008 in occasione della riunione del 50 ° della American Association of Fisici in Medicina.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha