I giovani bambini non sono sufficientemente protetti contro il morbillo, la ricerca rileva

Maggio 18, 2016 Admin Salute 0 0
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Giovani bambini sembrano avere una lacuna nella loro protezione contro il morbillo, da circa due o tre mesi di vita fino a quando non sono vaccinati a 12 mesi di età, trova una nuova ricerca pubblicata on line sul British Medical Journal.

Questo perché il livello di anticorpi infanti ottengono dalla loro madre gocce nel tempo, lasciandoli suscettibili finché non vengono vaccinati.

Questi risultati sottolineano l'importanza della vaccinazione contro il morbillo a circa 12 mesi di età e di sostenere la continua ricerca di vaccinazione in precedenza.




Lo studio ha coinvolto 207 donne sane coppie-infantili reclutati da cinque ospedali della provincia di Anversa, in Belgio a partire da aprile 2006.

Le cartelle cliniche sono stati utilizzati per dividere le donne in due gruppi: quelli che erano stati vaccinati contro il morbillo durante l'infanzia e quelli con immunità acquisita naturalmente da morbillo in precedenza in vita.

I livelli di anticorpi contro il morbillo sono stati misurati da campioni di sangue prelevati durante la settimana 36 di gravidanza, alla nascita (il sangue del cordone), in tutti i bambini a 1, 3 e 12 mesi, e in modo casuale a 6 o 9 mesi.

Donne vaccinate avevano un numero significativamente inferiore di anticorpi di fatto le donne naturalmente immuni. Allo stesso modo, i neonati di donne vaccinate avevano livelli significativamente più bassi di anticorpi rispetto ai bambini di donne naturalmente immuni.

La presenza di anticorpi materni durò un tempo medio di 2,61 mesi - 3,78 mesi per i neonati di donne naturalmente immuni e 0,97 mesi per neonati di donne vaccinate.

A sei mesi di età, oltre il 99% dei neonati di donne vaccinate e il 95% dei neonati di donne naturalmente immuni avevano perso i loro anticorpi materni. E a 9 e 12 mesi, senza campioni positivi sono stati lasciati in entrambi i gruppi.

I ricercatori hanno scoperto un impatto significativo di allattamento al seno, il peso alla nascita, livello di istruzione, il taglio cesareo o presenze cura di giorno sulla durata degli anticorpi materni.

Questo studio descrive una sensibilità molto presto per morbillo in entrambi i neonati di donne e donne con immunità acquisita naturalmente vaccinati, affermano gli autori. Se studi futuri mostrano che i vaccini contro il morbillo possono essere offerti con successo in età di meno di nove mesi, i politici potrebbero prendere in considerazione di andare avanti il ​​programma di vaccinazione contro il morbillo di routine.

Per il momento, essi suggeriscono la vaccinazione precoce dovrebbe essere considerata durante un'epidemia o dopo il contatto con i fratelli con il morbillo, e per i bambini che viaggiano o che migrano in aree endemiche.

"Ancora più importante, si conferma l'estrema importanza di somministrazione tempestiva della prima dose di vaccino morbillo", che concludere.


(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha