I medici di emergenza hanno una buona primo istinto nella diagnosi attacchi di cuore

Maggio 31, 2016 Admin Salute 0 2
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Uno studio di Wake Forest University Baptist Medical Center dimostra medici di pronto soccorso siano correttamente identificare i pazienti che stanno avendo un attacco di cuore, anche se i test di laboratorio non hanno ancora confermato.

Lo studio ha utilizzato i dati di un registro chiamato i * Trac, e pazienti con sintomi di attacco di cuore che sono stati ammessi al pronto soccorso (EDS) in otto Stati Uniti partecipano centri di analisi.

I risultati sono stati rilasciati 24 luglio a Medicina Emergenza Journal.




"Una delle lamentele più comuni che vediamo nel Dipartimento di Emergenza è il dolore al petto", ha dichiarato Chadwick Miller, MD, autore principale e assistente professore di medicina di emergenza alla Wake Forest Baptist. "Ecco perché è così importante per capire se stiamo facendo un buon lavoro di diagnosi e cura attacchi di cuore, o se c'è un modo migliore per farlo."

I pazienti del Registro di sistema sono stati divisi in tre gruppi: no infarto del miocardio (MI No), non-ST elevazione infarto miocardico (NSTEMI), o evoluzione infarto del miocardio (EMI).

I gruppi sono stati determinati da un esame del sangue che misura i livelli di troponina proteine, che aumenta quando il muscolo cardiaco è danneggiato da un attacco di cuore.

I pazienti classificati come No MI possono aver avuto sintomi, ma, a seconda dei livelli di troponina nel corso della loro permanenza in ospedale, in realtà non ha un attacco di cuore. I pazienti classificati come NSTEMI hanno mostrato livelli di troponina, quando prima ha ammesso, di solito perché il loro attacco di cuore avvenuto diverse ore o anche giorni prima di venire al ED. I pazienti classificati come EMI non ha inizialmente mostrano livelli di troponina in occasione della presentazione al pronto soccorso, ma hanno mostrato evidenza di cuore danni fino a 12 ore più tardi.

Lo studio si è concentrato principalmente su pazienti EMI. Quando un paziente è stato ricoverato in ED con sintomi di attacco cardiaco, i medici presso i centri che partecipano al i Trac * registro sarebbero registrare le loro impressioni iniziali dei sintomi manifestati dal paziente. Secondo i risultati, l'impressione iniziale dei medici è emerso che una percentuale più alta di loro assegnato un maggiore rischio di attacco di cuore per la EMI (76 per cento) e NSTEMI (71 per cento) dei pazienti, rispetto al No MI (52 per cento) del gruppo. Come risultato, i pazienti sono stati analizzati e suddivisi EMI a livelli più elevati di cura rispetto al gruppo no MI, nonostante gli iniziali risultati troponina negativi.

"C'è stato un sacco di preoccupazione che i medici o non stanno spendendo abbastanza tempo ottenere la storia clinica dei pazienti o non usano le informazioni che ottengono", ha detto Miller. "I pazienti con EMI sono particolarmente a rischio per essere valutato in modo meno aggressivo, perché il loro primo risultato troponina è normale, anche se hanno avuto un attacco di cuore. Questo studio suggerisce che anche se ci affidiamo alla migliore tecnologia medica per la diagnosi dei pazienti, l'impressione clinica è ancora molto importante. "

"E 'rassicurante vedere che i modelli di ammissione tra i pazienti EMI erano più aggressivi che con i pazienti No MI, anche se in entrambi i gruppi di troponina risultati dei pazienti non sono stati elevati. Ciò suggerisce che i medici non stanno permettendo la troponina non elevati risultati di oscurare la loro impressione clinica. "

Il registro Trac i * è stato compilato su un periodo di 26 mesi. Più di 17.000 pazienti sono stati arruolati. Tuttavia, solo 4.136 di questi pazienti sono stati inclusi nell'analisi, in primo luogo perché i pazienti dovevano avere due risultati troponina entro 12 ore per essere inclusi. I pazienti sono stati anche esclusi dal Registro Trac i * se fossero in stato di gravidanza, o inferiore ai 18 anni.

Il registro Trac i * è stato sostenuto da un contributo educazionale di Millenium Pharmaceuticals e Schering-Plough Pharmaceuticals.

Co-investigatori erano James Hoekstra, MD, anche di Wake Forest; Gregory Fermann, MD, Christopher Lindsell, Ph.D., e Brian Gibler, MD, il tutto da Università di Cincinnati; Kenneth Mahaffey, MD, Duke Clinical Research Institute; Frank Pavone, M.D., Cleveland Clinic Foundation; Charles Pollack, MA, MD, e Judd Hollander, MD, University of Pennsylvania; e Deborah B. Diercks, MD, University of California, Davis Medical Center.

(0)
(0)
Articolo precedente Come ottimizzare i contenuti web
Articolo successivo Border Terrier: My Dax

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha