I medici non fortemente incoraggianti vaccino HPV per le ragazze di certa età; Linee guida nazionali non seguito da vicino, indagine rileva

Marzo 14, 2016 Admin Salute 0 1
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

La stragrande maggioranza dei pediatri e medici di famiglia a livello nazionale stanno offrendo il papillomavirus umano (HPV) chiamato anche il vaccino, anche se meno medici sono fortemente incoraggianti per 11- a 12-year-old girls come raccomandato dalle linee guida nazionali, secondo un sondaggio del numero di settembre di Pediatria, il giornale della American Academy of Pediatrics.

Finanziato dai Centri per il Controllo e la Prevenzione delle Malattie, questo è il primo studio a guardare attuali pratiche di vaccinazione HPV dei medici degli Stati Uniti da quando la serie tre dosi di vaccino è stato concesso in licenza nel 2006 e ampiamente disponibili.

I ricercatori della University of Colorado School of Medicine e l'ospedale dei bambini di Denver censite 429 pediatri e 419 medici di famiglia all'inizio del 2008 da tutti gli Stati Uniti, e ha scoperto che il 98 per cento dei pediatri e 88 per cento dei medici di famiglia ha riferito che il vaccino HPV è stato somministrato ai loro pazienti di sesso femminile.




"La vaccinazione HPV è la nostra migliore possibilità di prevenire il cancro del collo dell'utero, quindi è rassicurante medici stanno usando. Tuttavia, la vaccinazione dovrebbe idealmente iniziare a 11 anni di età, in modo che le giovani donne completano il ciclo di 3 dosi e sono protetti" ha detto l'autore dello studio Matthew F. Daley, MD, un pediatra e ricercatore presso l'Università del Colorado School of Medicine e della Permanente dell'Istituto Kaiser for Health Research a Denver, Colorado.

L'obiettivo del vaccino HPV è quello di prevenire le infezioni da HPV e, infine, di ridurre i tassi di cancro cervicale. Praticamente tutti i tumori del collo dell'utero è causato da infezioni da HPV, e causato da HPV. Circa 20 milioni di persone negli Stati Uniti sono attualmente infettati con genitali papillomavirus umano. Ci sono molti diversi ceppi di HPV, e vaccini HPV attuali proteggono contro due ceppi di HPV che causano circa il 70% dei casi di cancro cervicale. La vaccinazione è consigliata attualmente per 11- a 12-year-old girls, con le vaccinazioni "catch up" per i pazienti 13- a 26-year-femminili che non sono stati vaccinati.

Questa indagine ha anche scoperto una serie di atteggiamenti tra i medici legati alla somministrazione del vaccino HPV per gli adolescenti di sesso femminile. Quaranta due per cento dei pediatri e il 54 per cento dei medici di famiglia hanno ritenuto necessario per discutere la sessualità prima di raccomandare il vaccino HPV, anche se alcuni medici pensavano che la vaccinazione sarebbe incoraggiare comportamenti rischiosi prima o sessuale tra gli adolescenti. Tuttavia, quasi la metà dei medici ha riferito che i genitori erano preoccupati per questo problema.

Opposizione Parent di HPV vaccinazione per motivi morali o religiosi è stato percepito come sicuramente o in qualche modo una barriera del 23 per cento dei pediatri e il 33 per cento dei medici di famiglia. La maggior parte dei medici intervistati non utilizzavano strategie attive (come l'invio di solleciti) per garantire che i pazienti che hanno iniziato la vaccinazione HPV hanno ricevuto tre dosi, che possono ritardare ulteriormente l'età che i pazienti sono completamente immunizzati.

Lo studio è stato condotto dal Collaborative Initiative Policy Vaccine, un programma progettato con i Centri per il Controllo e la Prevenzione delle Malattie di effettuare valutazioni di atteggiamenti medico su questioni correlate al vaccino. Allison Kempe, MD, MPH, un pediatra e ricercatore presso l'Università del Colorado School of Medicine, conduce questo progetto. Una rete nazionale di medici è stato sviluppato per questo programma attraverso l'American Academy of Pediatrics e dell'American Academy of Family Physicians.

Altri autori dello studio includono: Lori A. Crane, Ph.D., MPH di Programma Outcomes Research dei Bambini, Ospedale pediatrico, Aurora, Colorado, e del Dipartimento di Comunità e Behavioral Salute, Colorado School of Public Health, Aurora, Colorado; Lauri E. Markowitz, MD della Divisione di Malattie Sessualmente Trasmesse Prevention, Centro Nazionale per l'HIV/AIDS; Sandra R. Black, DVM, MSPH, Brenda L. Beaty, MSPH, Jennifer Barrow, MSPH, Christine Babbel, MSPH, di Colorado Salute Outcomes Programma, Università del Colorado, Aurora, Colorado; Sami L. Gottlieb, MD, MSPH, e Nicole Liddon, PhD, della Divisione di Malattie Sessualmente Trasmesse Prevention, Centro Nazionale per l'HIV/AIDS; Shannon Stokley, MPH dei Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie; L. Miriam Dickinson, PhD, di Medicina di Famiglia, Università del Colorado, Aurora, Colorado; e Allison Kempe, MD, MPH del Dipartimento di Pediatria, Colorado Salute Outcomes Programma, Università del Colorado, Aurora, Colorado; Bambini Outcomes Programma di ricerca, Ospedale pediatrico, Aurora, Colorado;

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha