I nostri microbi, noi stessi: Miliardi di batteri all'interno, essenziali per la funzione immunitaria, sono solo nostro

Giugno 1, 2016 Admin Salute 0 14
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Un nuovo studio riporta che la sovrabbondanza di vita microbica in fila i nostri tratti gastrointestinali ha co-evoluti con noi. Questi batteri interne, che sono essenziali per un sano sistema immunitario, sono in definitiva i nostri partner evolutivi. In altre parole, gli esseri umani possono avere co-evoluta con batteri intestinali uniche per gli esseri umani, che non sono immunologicamente funzionali in altri mammiferi.

Questo studio, il primo a dimostrare che i microbi sono specifiche per le loro specie ospiti, getta anche luce su quello che viene chiamato 'l'ipotesi igiene.' Secondo questa idea, che vivono in ambienti sempre più iper-igienico potrebbe contribuire ai recenti picchi di allergie infantili, come questi microbi specifici dell'host benefici sono ostacolati dalla pletora di prodotti per la casa antibatterici e prodotti chimici di pulizia.




"Per ogni cellula del vostro corpo che si è, che contiene le informazioni genetiche specifiche, ci sono circa nove cellule batteriche stranieri, soprattutto nel tratto digestivo e persino sulla pelle", ha detto Dennis Kasper, HMS professore di microbiologia e immunobiologia e anziano autore sulla carta. "Dal punto di vista del numero di celle, ogni essere umano è il novanta per cento microbica. Ora abbiamo scoperto che questi batteri, di cui abbiamo bisogno per una salute ottimale, sono specie specifici."

Questo articolo apparirà nel 22 giugno questione di Cell.

Che 500 a 1.000 specie microbiche abitano mammiferi è stata a lungo documentato. I ricercatori hanno suggerito che quando si tratta di digestione e altre attività metaboliche, la particolare specie di batteri possono non essere significativo purché i batteri contengono geni specifici, voti. In altre parole, un batterio che rompe cibo nell'intestino mouse può probabilmente fare lo stesso nel umana.

Ma i microbi che fortificano il sistema immunitario non sono stati studiati a questo proposito. Sono funzionalmente unico, o avrebbero qualsiasi specie sufficiente?

Per rispondere a questa domanda, Hachung Chung, un ricercatore post-dottorato nel laboratorio di Kasper, ha studiato due gruppi di topi, entrambi i quali erano stati allevati mancare flora microbica. Per un gruppo, ha introdotto specie microbiche che sono naturali a topi, e la seconda, ha introdotto microbi umani.

Per entrambi i gruppi di topi, una pari quantità di microbi, e una pari varietà di specie, ben presto fiorì nelle loro apparato digerente.

Nonostante questa apparente somiglianza, quando Chung esaminato il tessuto intestinale, compresi i linfonodi intestinali, di topi da ciascuno dei due gruppi, ha scoperto che i topi con microbi umanizzati ha sorprendentemente bassi livelli di cellule immunitarie, livelli equivalenti a topi che mancava intestinale batteri tutti insieme.

"Nonostante l'abbondante e complessa comunità di batteri che erano in topi flora umana, sembrava che l'host del mouse non ha riconosciuto i batteri, come se i topi erano privo di germi", ha detto Chung.

Chung ha ripetuto l'esperimento, solo che questa volta compilazione di un terzo gruppo di topi con microbi comuni ratti. Questo nuovo gruppo mostrato la stessa deficienza del sistema immunitario come i topi umanizzati. "Sono stato molto sorpreso di vedere che,", ha detto Chung. "Naturalmente, mi sarei aspettato più di una risposta a metà strada."

In un terzo esperimento, Chung infettato tutti i topi con salmonella. Quasi dal primo giorno, i topi con flora umani hanno mostrato livelli significativamente più elevati di salmonella nel loro sistema che i topi con flora normale. Il sistema immunitario dei topi con flora umani erano effettivamente in grado di difendersi da batteri patogeni.

"Questo solleva seri interrogativi riguardanti il ​​nostro attuale uso eccessivo di antibiotici, così come gli ambienti ultra-igienica che molti di noi vivono in", ha detto Kasper. "Se i batteri dentro di noi sono specifici per noi e necessarie per il normale funzionamento del sistema immunitario, quindi è importante sapere se siamo in effetti perdere questi batteri vitali. Stiamo perdendo i batteri che si sono evoluti con? Se questo è il caso, allora questa è un'ulteriore prova ancora sostenere l'idea che la perdita di batteri buoni è in parte responsabile per l'aumento dei tassi di autoimmunità che stiamo vedendo ".

Questo lavoro è stato finanziato dalla Fondazione di Crohn e Colite d'America, il Consiglio danese per la ricerca indipendente | Scienze Naturali, il National Institutes of Health (concessione F32 AI091104), e da Pioneer Award di un direttore NIH (DP1OD000964).

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha