I potenziali opzioni per attaccare le cellule staminali del cancro al seno triplo negativo

Maggio 3, 2016 Admin Salute 0 6
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

I ricercatori hanno identificato una proteina, SOCS3, che è altamente espressa nelle cellule normali, ma non rilevabile nel cancro al seno triplo negativo. Essi hanno dimostrato che questa proteina è degradata in tumori, bloccando l'off-interruttore cellulare di un ciclo di feedback che coinvolge la proteina infiammatoria interleuchina 6, IL-6. Quando l'interruttore non venga spento, esso permette alle cellule staminali del cancro a crescere.

"Abbiamo conosciuto per lungo tempo noto che ci sono importanti legami tra infiammazione e cancro, tra cui percorsi simili che regolano le cellule staminali normali e tumorali", spiega l'autore dello studio Max S. Wicha, MD, illustre professore di oncologia e direttore del UM Comprehensive Cancer Center.




"Questo lavoro aiuta a spiegare perché queste vie si spengono nei tessuti normali dopo l'infortunio, ma rimangono attive nei tumori, con un conseguente aumento delle cellule staminali del cancro. Inoltre, essi suggeriscono che il blocco di questi cicli infiammatori può essere un mezzo per colpire le cellule staminali tumorali, migliorando outcome del paziente, "dice.

Lo studio appare sulla rivista Nature Oncogene.

Attualmente, non esistono terapie molecolarmente mirate per il cancro al seno triplo negativo, che è un tipo di cancro negativo per il recettore degli estrogeni, recettore del progesterone e la proteina HER2 - tutti gli obiettivi chiave per terapie correnti. I pazienti con questa forma di malattia tendono ad avere risultati peggiori.

I ricercatori hanno testato un farmaco, bortezomib, in modelli murini di cancro al seno triplo negativo e scoperto che arresta la degradazione delle proteine, con conseguente ciclo infiammatoria intercettazione, che riduce le cellule staminali del cancro, bloccando così metastasi. Bortezomib è attualmente approvato per il trattamento del cancro del sangue mieloma multiplo.

Questa squadra già ha dimostrato che IL-6 in grado di stimolare le cellule staminali del cancro al seno in tumori al seno HER2-positivo e stanno progettando uno studio clinico che utilizza un bloccante IL6. La nuova ricerca suggerisce che l'aggiunta di bortezomib per l'inibitore IL6 può essere un modo per colpire le cellule staminali del cancro al seno triplo negativo.

"Ora che abbiamo presentato come l'infiammazione è regolata nel cancro al seno triplo negativo, ci aspettiamo che i nostri studi possono essere tradotti in clinica. I farmaci utilizzati per bloccare questi messaggeri chimici sono già approvati per il trattamento dell'artrite reumatoide e di altre infiammazioni relative malattie, che dovrebbero facilitare il loro uso nel cancro ", spiega l'autore dello studio Hasan Korkaya, Ph.D., professore assistente presso l'Università della Georgia Regents Cancer Center.

Altro test di laboratorio è necessario prima di una sperimentazione clinica può iniziare. I ricercatori sospettano anche che questo percorso può applicare ad altri tumori, come bene e sono indagini che ulteriori.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha