I ricercatori avanzano risultati sul gene chiave correlate a metastasi del cancro

Aprile 4, 2016 Admin Salute 0 2
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Nuove prove riportato da ricercatori a Roswell Park Cancer Institute (RPCI) presta sostegno per l'ipotesi che il gene SSeCKS/AKAP12 è un inibitore chiave di metastasi del cancro alla prostata. I dati sono tra i primi a dimostrare questa dinamica in modelli animali transgenici, con implicazioni promettenti per lo sviluppo di terapie mirate per il cancro alla prostata e forse per altri tumori solidi-tumorali.

Un team guidato da Irwin H. Gelman, PhD, ha osservato che i tumori della prostata aggressivo negli esseri umani in genere spegnere o eliminare due importanti geni regolatori, SSeCKS/AKAP12 e Rb. Per esplorare questa dinamica, i ricercatori hanno sviluppato un modello animale transgenico per studiare gli effetti sulla progressione del cancro alla prostata di eliminazione di questi due geni. Essi riferiscono in Cancer Research, una rivista peer-reviewed pubblicato dalla American Association for Cancer Research, che la perdita di questi due geni e prodotti proteici associati porta al cancro alla prostata. Inoltre, più del 80 per cento dei modelli transgenici nel loro studio sviluppato metastasi nei linfonodi vicino alla prostata.

"Questo è correlato con la nostra precedente ricerca che SSeCKS/AKAP12 inibisce la chemiotassi di cellule tumorali della prostata metastatico - cioè, la loro capacità di passare ad un altro ambiente in risposta a attrattivi chimici", ha detto il dottor Gelman, John e di Santa Palisano Chair in Cancer Genetics a RPCI. "Così, i nostri dati suggeriscono che SSeCKS svolge un ruolo nel prevenire la precoce diffusione di cellule tumorali della prostata a siti metastatici. È importante sottolineare che, mostriamo che gli esseri umani i cui tumori della prostata sono disabilitati o cancellati i SSeCKS/gene AKAP12 hanno tassi significativamente più alti di formazione di metastasi rispetto ai casi in cui sono sostenuti SSeCKS/livelli AKAP12. "




Mentre il gene SSeCKS/AKAP12 viene eliminato in circa un terzo dei tumori della prostata metastatico, precludendo beneficiare di terapie mirate che sfruttano questa vulnerabilità, i restanti due terzi di tali tumori possono essere curabile con farmaci che inducono la riattivazione della SSeCKS produzione/AKAP12. Dr. Gelman e colleghi stanno ora cercando di individuare le firme genomiche controllati da SSeCKS/AKAP12 nella soppressione dei percorsi metastasi - a livello delle cellule tumorali stesse e nelle cellule che formano il microambiente metastatico.

"Almeno il 93 per cento dei malati di cancro muoiono a causa di complicazioni dovute a tumori metastatici, ma la stragrande maggioranza dei percorsi studiati e terapie indirizzo sviluppato la biologia dei tumori primari", ha osservato il dottor Gelman. "Questa ricerca attuale è importante in quanto riguarda specifici meccanismi di metastasi del cancro, con il risultato che i test genetici e terapie derivate da tali studi avranno una maggiore probabilità di influenzare la sopravvivenza dei pazienti di cancro."

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha