I ricercatori blocco di trasmissione della malaria in sperimentazione animale

Maggio 11, 2016 Admin Salute 0 1
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Per interrompere il canale del potassio del parassita della malaria, un team di ricercatori è stato in grado di prevenire i parassiti della malaria formazione in zanzare e ha così rotto il ciclo di infezione durante i recenti test sugli animali.

Per modificare geneticamente il parassita della malaria attraverso la tecnologia genetica knock-out, un gruppo di ricerca composto da scienziati presso l'Università di Copenaghen e John Hopkins University di Baltimora, ha impedito il parassita da passare attraverso le normali fasi del suo ciclo di vita e lo sviluppo di una cisti ( uovo-come struttura o occyst), che genera nuovi parassiti infettivi. ", come è esclusivamente i parassiti di queste oocisti che possono infettare nuovi individui, siamo stati in grado di prevenire la malattia venga trasmessa agli animali nei nostri test", spiega Assistant Professore, Peter Ellekvist presso l'Università di Copenhagen.

L'intervento "disturba" il parassiti complesso ciclo di vita




Il parassita della malaria ha un ciclo di vita estremamente complicata, che inizia con la fecondazione dei parassiti gameti maschili e femminili e la formazione di una oocisti, nella parete dello stomaco della zanzara. Il oocisti sviluppa ulteriormente in sporozoittes, che viaggiano su ghiandole salivari della zanzara e da lì vengono trasmessi alla gente, quando la zanzara mantiene il suo prossimo pasto di sangue. Dopo residente per un breve periodo nelle cellule epatiche, parassiti poi infettano i globuli rossi, seminando così caos nel corpo umano.

I parassiti della malaria sono in grado di riprodurre sia attraverso la riproduzione sessuale quando abitano una zanzara (e sono trasmessi al host) e via riproduzione asessuata, quando risiedono nel corpo umano (replica in host). Per gli scienziati per contrastare con successo la malaria, devono affrontare sia la trasmissione da persona a persona attraverso le zanzare e la diffusione dei parassiti della malaria nel individuo infetto.

I canali di potassio sono importanti per tutte le celle

Tutte le cellule animali e vegetali contengono i cosiddetti canali ionici. Questi sono piccoli pori che consentono ioni di muoversi dentro e fuori attraverso una membrana cellulare altrimenti impermeabili. I canali di potassio sono un sotto-tipo di canali ionici, che si trova in tutte le cellule. Sebbene la funzione dei canali del potassio varia, giocano un ruolo cruciale in una varietà di processi biologici, es influenzare la capacità dei nervi di inviare segnali elettrici e muscolo cardiaco di contrarsi ritmicamente.

Assistant Professor Peter Ellekvist spiega che il suo interesse per la malaria ha portato ad una collaborazione di ricerca con il professor Dan Klжrke, che studia i canali del potassio presso l'Università di Copenhagen. In collaborazione con il professor Nirbhay Kumar e altri colleghi del Malaria Research Institute presso John Hopkins University di Baltimora, i due ricercatori sono stati in grado di manipolare i geni del parassita, in modo da garantire che il canale del potassio non ha funzionato. Con loro grande sorpresa, tuttavia, questo intervento non ha, in primo luogo, sembra avere alcun effetto sui parassiti.

"I parassiti gene knock-out essenzialmente ucciso i topi nei test su animali altrettanto velocemente come" naturali "parassiti, che non erano stati sottoposti a manipolazione genetica", spiega Peter Ellekvist. "Tuttavia, abbiamo scoperto che gli unici parassiti che non erano in grado di riprodursi sessualmente, erano quelli con i canali del potassio non funzionanti."

Gli esperimenti hanno effettivamente interrotto la capacità dell'insetto di trasmettere la malattia.

Ulteriori ricerche richiesto

Il passo successivo per il team di ricerca è quello di esaminare se i parassiti con i canali del potassio non funzionanti reagiscono in modo diverso ai farmaci anti-malaria. Un successo qui consentirebbe ai ricercatori di rompere la seconda fase del ciclo di infezione e impediscono la riproduzione asessuale dei parassiti della malaria che hanno già avuto accesso al corpo umano. Bloccare i canali di potassio di parassiti nel corpo potrebbe, per esempio, renderli più sensibili ai farmaci anti-malaria. Ulteriori test è necessario anche per vedere se la manipolazione dei canali del potassio può colpire anche le altre fasi del ciclo di vita dei parassiti, come ad esempio il loro sviluppo all'interno delle cellule del fegato.

I risultati sono stati pubblicati negli atti di riviste scientifiche della National Academy of Sciences, USA, (2008 105: 6398-6402).

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha