I ricercatori Scopri Breakthrough In Malaria Treatment

Marzo 18, 2016 Admin Salute 0 1
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Un articolo pubblicato su 'The Lancet' dai ricercatori della Scuola di Menzies Health Research (MSHR) in Darwin ha rivelato un importante passo avanti nella battaglia per il trattamento di malaria - una malattia che effettua il 40 per cento della popolazione mondiale.

Ci sono due principali ceppi di malaria nell'uomo che effettuano, P. vivax e P. falciparum. Anche se l'attenzione si concentra sulla più virulenta P. falciparum, vivax malaria causa una quantità enorme di malattia nei paesi tropicali della nostra regione e mette molti viaggiatori australiani a rischio di malattie. Vivax malaria sta diventando sempre più resistenti ai trattamenti standard, ma pochi studi hanno determinato il modo migliore di trattarlo.

In collaborazione con i partner del Ministero della Salute indonesiano, il team MSHR ha condotto uno studio in Papua, dove hanno confrontato, testa a testa, due nuovi trattamenti per la malaria. Entrambi conteneva una combinazione di farmaci sulla base di un estratto di erbe cinesi (artemisinina) con un farmaco antimalarico prolungata.




I ricercatori hanno scoperto che entrambi i trattamenti forniti cura iniziale dalla malattia. Tuttavia coloro che ricevono un trattamento che è rimasto nel sangue più a lungo erano tre volte meno probabilità di avere un altro episodio di malaria entro 42 giorni e sono stati meno probabilità di essere anemici.

MSHR scienziato, il dottor Ric prezzo, ha detto che i risultati hanno implicazioni importanti per il trattamento della malaria nella nostra regione e rilevanza per le aree dell'Africa dove il rischio di malaria è maggiore.

"Scienziati e medici condurre una battaglia costante per sviluppare e implementare trattamenti efficaci per la malaria. Questo studio è uno dei primi a mettere in evidenza il miglior trattamento di ceppi resistenti ai farmaci di malaria vivax della regione Asia-Pacifico." ha detto il dottor Price.

"Esso fornisce anche la prova che i farmaci ad azione prolungata possono impedire i pazienti, che rimangono a rischio di ulteriori infezioni, di ottenere di nuovo male entro 6 settimane. Questa" la profilassi post-trattamento "è simile all'approccio di dare viaggiatori terapia regolare per proteggerli dalle infezioni , ma può essere applicato in modo opportunistico di persone ad alto rischio di infezione in comunità povere tropicali. " ha aggiunto.

Una preoccupazione con tale criterio è che la resistenza emergerà rapidamente al farmaco ad azione lunga. Tuttavia, il team ritiene che, combinando i due farmaci contribuirà a evitare che ciò accada.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha