I risultati a lungo termine nei pazienti con avanzata malattia coronarica sono meglio del previsto

Aprile 24, 2016 Admin Salute 0 2
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

I tassi di mortalità associati a pazienti con angina refrattaria, o mal di petto cronico, sono inferiori rispetto al passato considerato; Pertanto, i medici dovrebbero concentrarsi su alleviare i sintomi di dolore al torace e migliorare la qualità della vita in questi pazienti secondo un articolo pubblicato online questa settimana nella European Heart Journal.

Pazienti con angina refrattaria sopportare dolore al petto in corso nonostante terapia medica ottimale e per loro, le tecniche di rivascolarizzazione standard, come la chirurgia o stenting, non è più un'opzione. Tradizionalmente, questi sono i pazienti con i più avanzati di malattia coronarica, spesso indicati come "no-option pazienti."

"È importante sottolineare che questo studio descrive i primi risultati a lungo termine del più grande e moderno di follow-up di pazienti in una clinica angina refrattaria dedicato", dice il primo autore dello studio Timothy D. Henry, MD, direttore della ricerca presso il Cuore di Minneapolis Institute Foundation. "I nostri risultati dimostrano che la mortalità a lungo termine nei pazienti con angina refrattaria è sorprendentemente basso, al di sotto del 4 per cento l'anno."




Le opzioni in Myocardial ischemica Sindrome Therapy programma (Optimist) a Minneapolis Cuore Institute® a Abbott Northwestern Hospital di Minneapolis è stato creato per i pazienti con angina refrattaria nel 1996 per sviluppare nuove opzioni di trattamento per questa popolazione di pazienti impegnativo. Questo studio riflette la sopravvivenza a lungo termine e fattori predittivi di mortalità.

La popolazione in studio consisteva di 1.200 pazienti consecutivi con o ischemia miocardica refrattario e/o angina refrattaria, che non erano candidati alla rivascolarizzazione tradizionali e di cui per le strategie terapeutiche alternative dal 1996 ad oggi.

Complessivamente, 241 pazienti del 1200 sono morti nel corso di un follow-up mediano di 5,1 anni. Dopo l'analisi, i ricercatori hanno determinato la mortalità è stata del 3,9 per cento ad un anno e il 28,4 per cento in nove anni.

"Attualmente, i dati sull'incidenza e la prevalenza di angina refrattaria sono scarse e principalmente derivato da registri", spiega Henry.

Oltre alla bassa mortalità generale, i risultati hanno indicato morte non cardiaca in circa il 30 per cento dei pazienti e una bassa incidenza di morte cardiaca improvvisa.

Il miglioramento delle strategie di prevenzione secondaria, la terapia medica basata sulle prove e le tecniche di rivascolarizzazione più avanzate tutto probabilità contribuito a una più bassa mortalità, ha concluso Henry ei suoi colleghi nel documento.

"Aderenza diffuso e migliore di farmaci medici in combinazione con i cambiamenti dello stile di vita aggressivi, come la dieta, l'esercizio fisico e la cessazione del fumo, ha contribuito ad abbassare la mortalità generale nei pazienti con malattia coronarica, e questo include i pazienti più a rischio con angina refrattaria," Henry note.

Sulla base dei risultati, oltre il 70 per cento dei pazienti con angina refrattaria può aspettarsi di sopravvivere nove anni dal momento della diagnosi. Alla luce di questi risultati, i ricercatori hanno sottolineato che le opzioni terapeutiche per questa popolazione in crescita dovrebbero quindi concentrarsi sulla riduzione del dolore al petto e una migliore qualità della vita.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha