I segreti del 'ormone del sonno': Discovery porta a nuovi farmaci melatonina con un potenziale per trattare l'insonnia

Marzo 31, 2016 Admin Salute 0 10
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Un team dell'Istituto di ricerca della McGill University Health Centre (MUHC RI-) e la McGill University ha fatto un importante passo avanti per svelare i meccanismi interni di melatonina, noto anche come "ormone del sonno." La ricerca, condotta in collaborazione con gli scienziati in Italia, rivela il ruolo chiave svolto dal recettore della melatonina nel cervello che promuove un sonno profondo e ristoratore. Questa scoperta ha portato i ricercatori a sviluppare un nuovo farmaco chiamato UCM765, che attiva selettivamente il recettore. I risultati, pubblicati su The Journal of Neuroscience, potrebbe aprire la strada per lo sviluppo di trattamenti nuovi e promettenti per l'insonnia, un problema comune di salute pubblica che colpisce milioni di persone in tutto il mondo.

"Abbiamo passato molti anni per sviluppare farmaci che agiscono selettivamente su un singolo recettore della melatonina per promuovere specificamente il sonno profondo, che crediamo sia la chiave per curare l'insonnia," dice il Dott Gabriella Gobbi, ricercatrice in psichiatria presso il RI-MUHC e ricercatore principale dello studio. "Il sonno profondo ha significativi effetti riparatoria, così come la capacità di aumentare la memoria e aumentare il metabolismo, riducendo la pressione sanguigna e rallentando la frequenza cardiaca." Ad oggi la maggior parte dei trattamenti per l'insonnia, come le benzodiazepine, non sono stati selettivo per il sonno profondo, e può portare alla dipendenza e deterioramento cognitivo.

I ricercatori si interessarono melatonina a causa del suo effetto sull'attività cerebrale, e il suo coinvolgimento nel sonno, depressione e ansia. La melatonina è un ormone critica prodotta dalla ghiandola pineale (situato nel cervello) in assenza di stimolazione luminosa. Questo ormone, presente in tutto il regno animale, è responsabile della regolazione del sonno e dei ritmi circadiani.




Il team di ricerca ha scoperto che due principali recettori della melatonina, conosciuti come MT1 e MT2, hanno svolto un ruolo opposti nella regolazione del sonno. "Abbiamo scoperto che i recettori MT1 agiscono su rapid eye movement (REM) del sonno e bloccano il sonno non-REM, mentre i recettori MT2 favoriscono il sonno non-REM, noto anche come il sonno profondo", spiega il dottor Gobbi, che è anche professore associato di Psichiatria presso la Facoltà di Medicina presso la McGill. "Specifica il ruolo dei recettori MT2 in melatonina rappresentano un importante passo avanti scientifico che li può designare come nuovo bersaglio promettente per futuri trattamenti di insonnia. Questa scoperta spiega anche l'effetto ipnotico modesto degli over-the-counter pillole di melatonina, che agiscono su entrambi i recettori in conflitto. "

Utilizzando il farmaco chiamato UCM765, sviluppato in collaborazione con un gruppo di chimici, sotto la guida del professor Tarzia in Urbino e il professor Mor a Parma, Italia, che si lega selettivamente al recettore MT2, i ricercatori hanno osservato un aumento nelle fasi di sonno profondo in ratti e topi. Ancora più importante, UCM765 agisce in una zona del cervello chiamata talamo reticolare, che è il principale motore di sonno profondo. "Questa nuova molecola, contrariamente ai tradizionali trattamenti per l'insonnia, aumenta il sonno profondo senza distruggere l '" architettura "del sonno. In altre parole, aumenta la durata di sonno profondo, mantenendo il sonno REM episodi lo stesso," dice il Dott Gobbi.

"Lo sviluppo di questo farmacologia mediante il targeting recettori di sonno profondo per curare l'insonnia rappresenta un importante progresso nella nostra capacità di affrontare questo problema di salute comune che colpisce le persone in tutto il mondo", conclude il dottor Vassilios Papadopoulos direttore esecutivo e Chief Scientific Officer del RI -MUHC e Associate Direttore Esecutivo per la ricerca del MUHC.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha