I topi con malattia di Lou Gehrig non è proprio quello che i medici ordinato

Maggio 22, 2016 Admin Salute 0 7
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

I topi in cui gli scienziati dovrebbero testare trattamenti per la malattia di Lou Gehrig risultano avere problemi che potrebbero rallentare la ricerca, ha riferito Alzforum, un sito di notizie di ricerca specializzato nella malattia di Alzheimer e le malattie correlate. Con sorpresa dei ricercatori, i topi non è morto di malattia nervo spinale. Invece, hanno ceduto alle intestinale blocco.

"C'erano grandi aspettative", ha detto Robert Baloh del Cedars-Sinai Medical Center di Los Angeles, che ha fatto i nuovi mouse. "Il problema è che sono ancora topi. Gli esseri umani e topi, anche se hanno la stessa mutazione genetica, ottenere diverse malattie."

Tra 20.000 e 30.000 persone negli Stati Uniti hanno il morbo di Lou Gehrig, o sclerosi laterale amiotrofica, che uccide le cellule nervose nella colonna vertebrale. Essa provoca la paralisi e la morte, in genere nel giro di pochi anni. C'è solo trattamento, riluzolo, che si estende dal vivo da alcuni mesi.




Difficoltà nel trasferimento trattamenti da topi di persone sono scienziati lungo afflitto cercando di trattare Lou Gehrig e l'Alzheimer. Ecco perché i ricercatori sono stati entusiasti quando, cinque anni fa, si è scoperto che alcune persone con Lou Gehrig sono mutazioni in un gene chiamato TDP-43. Si precipitarono a fare i topi con le stesse mutazioni, pensando gli animali sarebbe un eccellente nuovo banco di prova.

Ma i problemi, come ad esempio il blocco intestinale, stanno sorgendo come gli scienziati lavorano per comprendere appieno i nuovi mouse. Tuttavia, i topi potrebbe essere ancora utile per testare farmaci e dovrebbe anche aiutare i ricercatori a capire quanto di Lou Gehrig uccide le cellule nervose, dicono gli esperti. E nel processo, gli scienziati stanno imparando quanto rigorosamente devono caratterizzare un determinato modello di topo, e studi di trattamento di design in questi topi, per poi avere un colpo giusto al successo nella clinica.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha