I videogiochi possono aiutare a combattere la depressione negli anziani

Maggio 10, 2016 Admin Salute 0 1
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Ricerca presso l'Istituto di Sam e Rose Stein per la Ricerca sull'Invecchiamento presso la University of California, San Diego School of Medicine suggerisce un percorso nuovo per migliorare i sintomi della depressione subsyndromal (SSD) in anziani attraverso l'uso regolare di "exergames" - divertente videogiochi che uniscono il gioco con l'esercizio fisico. In uno studio pilota, i ricercatori hanno scoperto che l'uso di exergames significativamente migliorato l'umore e la salute connessi qualità mentale della vita in adulti più anziani con SSD.

Lo studio, condotto da Dilip V. Jeste, MD, Professore di psichiatria e neuroscienze alla UCSD School of Medicine, Estelle e Edgar Levi Sedia in Aging, e direttore della UC San Diego Sam e Rose Stein Institute for Research on Aging, appare nel numero di marzo del Journal of Geriatric Psychiatry.

SSD è molto più comune di depressione maggiore negli anziani, ed è associata con la sofferenza sostanziale, disabilità funzionale, e maggiore utilizzo di servizi medici costosi. L'attività fisica può migliorare la depressione; tuttavia, meno del cinque per cento degli adulti più anziani incontrano raccomandazioni di attività fisica.




"La depressione predice aderenza all'attività fisica, e questo è un ostacolo fondamentale per la maggior parte dei programmi di esercizio", ha detto Jeste. "Gli anziani con depressione possono essere particolarmente a rischio per il godimento diminuita di attività fisica, e, quindi, più propensi a fermare i programmi di esercizio prematuramente."

Nello studio, 19 partecipanti con SSD di età compresa 63-94 svolto un exergame sul sistema di videogiochi Nintendo Wii durante le sessioni di 35 minuti, tre volte alla settimana. Dopo qualche istruzione iniziale, hanno scelto uno dei cinque giochi Nintendo Wii Sports a giocare da soli - tennis, bowling, baseball, golf e boxe.

Utilizzando il telecomando Wii - un dispositivo wireless con funzionalità di motion-sensing - gli anziani hanno usato le loro movimenti del braccio e del corpo per simulare le azioni impegnate nel gioco sport reale, come ad esempio oscillare il telecomando Wii come una racchetta da tennis. I partecipanti hanno riferito di alta soddisfazione e valutato le exergames su vari attributi, tra cui godimento, sforzo mentale, e limitazioni fisiche.

"Lo studio suggerisce risultati incoraggianti dall'uso delle exergames", ha detto Jeste. "Più di un terzo dei partecipanti ha avuto un 50 per cento o maggiore riduzione dei sintomi depressivi. Molti avevano un significativo miglioramento della loro qualità legata alla salute mentale della vita e stimolazione cognitiva maggiore."

Jeste detto retroazione rivelato alcuni partecipanti hanno iniziato lo studio sentirsi nervoso per come avrebbero eseguire nelle exergames e gli aspetti tecnici del gioco. Tuttavia, entro la fine dello studio, la maggior parte dei partecipanti hanno riferito che l'apprendimento e giocare ai videogiochi è stato soddisfacente e piacevole.

"I partecipanti hanno pensato che le exergames erano divertenti, si sentivano chiamati a fare meglio e ho visto progressi nel loro gioco", ha detto Jeste. "Avere un alto livello di divertimento e soddisfazione, e una scelta tra le attività, exergames può portare ad un esercizio costante in adulti più anziani." Ha avvertito, tuttavia, che le conclusioni si sono basate su un piccolo studio, e aveva bisogno di essere replicato in campioni di grandi dimensioni tramite gruppi di controllo. Ha inoltre sottolineato che exergames comporta potenziali rischi di lesioni, e dovrebbe essere praticata con la dovuta cura.

Ulteriori autori includono Dori Rosenberg, Jennifer Reichstadt, Jacqueline Kerr e Greg Norman, UCSD Dipartimento di Famiglia e Medicina Preventiva; e Colin A. Depp, Ipsit V. Vahia e Barton W. Palmer, UCSD Dipartimento di Psichiatria.

Lo studio è stato finanziato in parte da sovvenzioni dal National Institute of Mental Health, l'UCSD Sam e Rose Stein Institute for Research on Aging, e il Department of Veterans Affairs.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha