Identificato vaiolo vaccino Alternative

Maggio 3, 2016 Admin Salute 0 1
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Philip Felgner e Huw Davies con il Dipartimento di Medicina hanno scoperto che il virus vaccino modificato Ankara (MVA) ha prodotto la stessa risposta antivirale in studi umani e animali come il vaccino contro il vaiolo corrente, Dryvax. Lo studio fa parte di uno sforzo nazionale per sviluppare un sostituto per il vaccino Dryvax, che causa gravi complicazioni in alcune persone.

"Gli studi hanno dimostrato MVA ad essere un prodotto di vaccino molto più sicuro che si avvale della tecnologia moderna", ha detto Felgner. "Siamo lieti che i nostri metodi analitici avanzati possono contribuire a portare un vaccino efficace e sicuro per il pubblico."




Il vaiolo è stato dichiarato eradicato in tutto il mondo nel 1980; l'ultimo caso che si verificano naturalmente nel mondo era in Somalia nel 1977. La vaccinazione di routine contro il vaiolo negli Stati Uniti fermati nel 1972, e la produzione è stata interrotta Dryvax nel 1982.

Sia Dryvax e MVA sono ceppi di virus del vaccino, che è legato al virus del vaiolo. Gli anticorpi creati da virus vaccinia proteggere una persona contro una infezione del vaiolo letali, che lo rende adatto per l'uso come vaccino. A differenza di virus del vaiolo, vaccinia crea un'infezione molto mite ed è completamente sicuro per gli individui sani.

Sebbene Dryvax era efficace durante la campagna di eradicazione nel 1960 e '70, i suoi metodi di produzione sono obsoleti per gli standard odierni, ed è anche associato ad un significativo rischio di reazioni avverse per le persone immuno-compromessi.

L'Istituto Nazionale di allergie e malattie infettive, parte del National Institutes of Health, identificato MVA come possibile candidato per sostituire Dryvax. MVA è stato sviluppato nel 1970 ed è stato somministrato alle specie animali e gli esseri umani, con effetti poco o nessun sfavorevoli collaterali.

Nello studio, Felgner e Davies applicate campioni di siero di sangue prelevati da esseri umani e gli animali, data la MVA o vaccini Dryvax a chip "microarray" che contengono più di 200 proteine ​​del virus vaccinico, sui quali contemporaneamente studiato come gli anticorpi hanno risposto a tutte le vaccinia proteine.

I ricercatori hanno scoperto che queste risposte anticorpali erano simili in entrambi i soggetti umani, indipendentemente se sono stati dati MVA o Dryvax animale e, suggerendo che MVA contiene le proprietà antivirali simili a quelle in Dryvax.

Questa somiglianza è di vitale importanza, Davies afferma, perché se un vaccino avvia una risposta immunitaria nell'uomo che corrisponde a quello di animali che sono protetti contro i virus del vaiolo letali, poi i funzionari della sanità pubblica avranno più fiducia che il vaccino sarà efficace negli esseri umani.

"Ciò è particolarmente importante per i vaccini contro le infezioni letali come il vaiolo, dove non si possono fare studi clinici", ha aggiunto.

Lo studio ha segnato una collaborazione tra UC Irvine e ImmPORT Therapeutics Inc. in Irvine, che producono gli array. I test sugli animali sono stati fatti dal NIAID, e studi umani si sono tenute a Saint Louis University. Il NIH ha sostenuto lo studio.

UC Irvine è sede del Centro-Sud del Pacifico per Biodefense e emergenti infettive Diseases Research - uno dei soli 10 centri regionali finanziati con fondi federali dedicati alla ricerca per la lotta contro il bioterrorismo e malattie infettive minacce.

Circa il laboratorio proteina microarray

Il laboratorio proteina microarray a UC Irvine e ImmPORT ha sviluppato un metodo efficiente per la produzione di tutte le proteine ​​dagli agenti infettivi, come il vaiolo e li stampa su chip microarray. I chip possono essere sondati con siero di soggetti vaccinati per studiare gli anticorpi che sono prodotti dopo la vaccinazione o infezione. La squadra ha prodotto e stampato chip microarray contenenti 16.000 diverse proteine ​​provenienti da 20 agenti infettivi, compresi gli organismi responsabili per la tubercolosi e la malaria.

I risultati completi sono pubblicati nel Journal of Virology.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha