Il cambiamento climatico non ridurrà le morti in inverno, studio britannico conclude

Aprile 9, 2016 Admin Salute 0 1
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Una nuova ricerca pubblicata oggi ha scoperto che il cambiamento climatico è improbabile per ridurre l'eccesso di mortalità invernale del Regno Unito come si pensava. Lo studio è pubblicato sulla rivista Nature Climate Change e sfata l'opinione ampiamente diffusa che gli inverni più caldi taglieranno il numero di morti normalmente visto al periodo più freddo dell'anno.

Analizzando i dati degli ultimi 60 anni, i ricercatori presso l'Università di Exeter e University College London (UCL) hanno esaminato come il tasso di mortalità invernale è cambiato nel tempo, e quali fattori influenzati esso.

Essi hanno scoperto che 1951-1971, il numero di fredde giornate invernali è stata fortemente legata al tasso di mortalità, mentre 1971-1991, sia il numero di giornate fredde e di attività influenzale sono stati responsabili di un aumento dei tassi di mortalità. Tuttavia, la loro analisi ha mostrato che 1991-2011, l'attività influenzale da solo è stata la causa principale di variazioni annuali della mortalità invernale.




Lead ricercatore Dr Philip Staddon ha detto "Abbiamo dimostrato che il numero di giornate fredde in un inverno non spiega il suo numero di morti in eccesso. Al contrario, la principale causa di variazioni annuali della mortalità invernale negli ultimi decenni è stata l'influenza."

Il team suggerisce che questo collegamento ridotto tra il numero di giornate fredde e morti in un inverno può essere spiegato da miglioramenti in materia di alloggi, l'assistenza sanitaria, il reddito e una maggiore consapevolezza dei rischi del freddo.

Mentre il cambiamento climatico avanza, il Regno Unito è probabile che l'esperienza crescenti estremi meteorologici, tra cui un maggior numero di periodi meno prevedibili di freddo estremo. La ricerca mette in evidenza che, nonostante un inverno generalmente più caldo, un clima più volatile potrebbe effettivamente portare ad un aumento del numero di decessi invernali associati al cambiamento climatico, piuttosto che in meno.

Dr Staddon ritiene i risultati hanno importanti implicazioni per la politica:

"Entrambi i responsabili politici e gli operatori sanitari hanno, da tempo, assunto che il beneficio potenziale da cambiamento climatico sarà una riduzione dei decessi osservati durante l'inverno. Abbiamo dimostrato che questo è improbabile che sia il caso. Gli sforzi per combattere la mortalità invernale dovuta a ondate di freddo non deve essere ridotta, e quelli contro le malattie influenzali e simil-influenzali dovrebbe anche essere mantenuta. "

Co-autore, Prof Hugh Montgomery di UCL ha detto:

"Il cambiamento climatico appare improbabile che i tassi di mortalità più bassi d'inverno. In effetti, si può sostanzialmente li aumentare di guida eventi meteorologici estremi e maggiore variazione nelle temperature invernali. Occorre intervenire per evitare che ciò accada."

Co-autore, Prof Michael Depledge della University of Exeter Medical School ha detto:

"Studi di genere abbiamo condotto fornire informazioni chiave per i politici e politici che fanno i piani per gestire gli impatti dei cambiamenti climatici. Siamo fiduciosi che l'importanza di questo problema sarà capito, in modo che le questioni di salute e sicurezza ambientale può essere affrontato seriamente ed efficacemente. "

(0)
(0)
Articolo successivo Bambini Cockatiel

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha