Il cancro della cervice: droga combinata e radioterapia migliora la sopravvivenza

Giugno 9, 2016 Admin Salute 0 1
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

La combinazione di farmaci e radioterapia migliora le possibilità di sopravvivenza delle donne in trattamento per il cancro del collo dell'utero. Queste sono le conclusioni di ricercatori Cochrane che ha effettuato lo studio più completo degli effetti combinati di droga e radioterapia nel trattamento del cancro del collo dell'utero fino ad oggi.

Il cancro cervicale è il secondo tumore più comune nelle donne di tutto il mondo. Trattamenti per la malattia sono cambiate notevolmente negli ultimi dieci anni a causa di linee guida emanate dal National Cancer Institute (NCI), nel 1999, che ha dichiarato che la chemioradioterapia dovrebbe essere considerata come un'alternativa alla radioterapia. Chemioradioterapia combina la chemioterapia (trattamento farmacologico) e il trattamento x-ray, mentre la radioterapia è giusto trattamento x-ray.

"Abbiamo visto la prova evidente che l'aggiunta di chemioterapia alla radioterapia migliora la sopravvivenza, così come la sopravvivenza libera da malattia", ha detto Claire Vale, della Clinical Trials Unità di Medical Research Council di Londra nel Regno Unito. "Si tratta, trattamenti efficaci a prezzi accessibili che forniscono un punto di riferimento per altri potenziali approcci terapeutici."




I ricercatori hanno analizzato i dati di 15 studi condotti su un totale di 3.452 donne. Essi hanno scoperto che, rispetto alle donne che hanno avuto la sola radioterapia, le donne che ricevono la chemioradioterapia sono più probabilità di vivere più a lungo dopo il trattamento. Cinque anni dopo aver ricevuto il trattamento, 66 su 100 donne sopravvissute con chemioradioterapia rispetto al 60 su 100 con la radioterapia. Inoltre, il trattamento con la chemioradioterapia ha ridotto la probabilità di cancro al ritorno o di diffusione ad altre aree. Fondamentalmente, la loro analisi ha mostrato che i benefici della chemioradioterapia non sono solo limitati a farmaci a base di platino raccomandati dal NCI.

Sulla base di un piccolo sottoinsieme di dati, c'era anche una indicazione che continua la terapia farmacologica dopo chemioradioterapia potrebbe migliorare i tassi di sopravvivenza ancora di più, anche se i ricercatori dicono ulteriori studi sono necessari per confermare questo. "Suggeriamo che i nuovi studi sono necessari per capire se dare la chemioterapia in più è meglio per le donne con cancro cervicale o no", ha detto Vale.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha