Il cancro 'TRAP': proteina può prevenire la morte delle cellule del cancro

Maggio 14, 2016 Admin Salute 0 30
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

La nuova ricerca suggerisce che il TNF-recettore associata proteina-1 (TRAP-1) può prevenire la morte delle cellule tumorali.

Lo studio di Leav et al appare nel numero di gennaio 2010 della American Journal of Pathology.

Il cancro della prostata è il tipo più comune di cancro ed è la seconda causa di decessi per cancro fra gli uomini negli Stati Uniti, a seguito del cancro del polmone. Il cancro alla prostata più comunemente si sviluppa in uomini di età superiore ai 50 ed è a crescita lenta; tuttavia, può metastatizzare ad altri organi, particolari alle ossa e linfonodi. Cancro alla prostata metastatico fase sostiene oltre 30.000 morti l'anno nei soli Stati Uniti.




Le cellule tumorali della prostata sono spesso resistenti alla morte cellulare. I ricercatori guidati dal Dr. Dario C. Altieri della University of Massachusetts Medical School, quindi, hanno esplorato il ruolo di TRAP-1, una proteina pensato di regolamentare morte cellulare, nella sopravvivenza del cancro della prostata. Era altamente espresso TRAP-1 sia di alto grado della prostata umana lesioni tumorali e modelli murini di cancro alla prostata, ma non nel tessuto prostatico benigno o normale.

Inoltre, TRAP-1 sovraespressione in cellule prostatiche non tumorali inibito morte cellulare, mentre le cellule di cancro alla prostata TRAP-1-deficienti avevano migliorato i livelli di morte cellulare. Inoltre, il trattamento con Gamitrinib, che inibisce TRAP-1, ha provocato la morte delle cellule del cancro alla prostata, ma non la morte delle cellule della prostata non-cancerose. Pertanto, il targeting TRAP-1 tramite trattamento Gamitrinib può essere una strategia terapeutica per i pazienti con tumore avanzato della prostata.

Leav et al suggeriscono che "TRAP-1 [è] un nuovo marcatore di carcinoma prostatico localizzato e metastatico, ma non le ghiandole normali, necessari per la vitalità delle cellule di cancro alla prostata, in vivo. Nel loro insieme con la sicurezza preliminare di Gamitrinibs in studi preclinici, questi dati suggeriscono che il targeting mitocondriale TRAP-1 può fornire un nuovo approccio terapeutico per i pazienti con carcinoma della prostata avanzato e metastatico "Un approccio simile potrebbe essere adatto anche per altri tipi di cancro, come TRAP-1 è ampiamente espresso in neoplasie umane disparate. In studi futuri, Dr. Altieri e colleghi in programma di "sezionare ulteriormente la biologia del TRAP-1 citoprotezione nelle cellule tumorali, e verificare se disabilitando la sua funzione può superare la resistenza ai farmaci, la causa più comune di fallimento del trattamento e dei risultati lugubre in pazienti con avanzata il cancro alla prostata. "

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha