Il diabete non deve scoraggiare i giovani atleti, studio suggerisce

Maggio 13, 2016 Admin Salute 0 2
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Un nuovo studio condotto da ricercatori dell'Università di York rileva che i giovani atleti con diabete di tipo 1 possono sperimentare una marcata riduzione delle prestazioni a causa dei loro livelli di zucchero nel sangue.

Lo studio, pubblicato sul Journal of Pediatrics, riporta che prestanza atletica dei partecipanti è stato minato dal basso livello di glucosio nel sangue, una condizione nota come ipoglicemia. Le loro capacità cognitive sono diminuiti di conseguenza.

"L'attività fisica è di per sé, purtroppo, uno dei fattori che possono causare questo tuffo nella glicemia a verificarsi", spiega il capo ricercatore Michael Riddell, professore associato nella Facoltà di York di Kinesiologia e Scienza della Salute, Facoltà di Scienze della Salute.




"I genitori tendono a diventare molto preoccupati per questo, comprensibilmente," afferma Riddell, che è stato diagnosticato con la malattia all'età di 14 anni e si impegna regolarmente in competizioni sportive. "Si chiedono, 'avrei dovuto mio figlio iscritto nello sport a tutti? È l'attività vigorosa sicuro?' I nostri risultati mostrano che le persone con diabete possono competere sulla parità di terra, a condizione che imparano a gestire la loro condizione. "

Lo studio è il primo a esaminare queste interazioni in un ambiente di vita reale. Ricercatori provvisto partecipanti con 24-7 monitor di glucosio durante un campo sportivo diabete di una settimana alla York University, testare le loro abilità nel tennis, basket o il calcio in diversi momenti durante il giorno e la registrazione dei livelli di zucchero nel sangue. I partecipanti, che andavano in età da 6 a 17, sono stati anche monitorati mentre dormivano con questa nuova tecnologia. I dati per lo studio è stato registrato durante il campo della scorsa estate; verrà eseguito anche quest'anno dal 19 luglio.

I ricercatori hanno trovato che le prestazioni skill sport era più alto quando i valori di glucosio nel sangue erano in un range glicemico "normale". Durante iperglicemia - o glicemia elevata - i risultati sono stati solo leggermente ridotti. Ciò è avvenuto quasi universalmente in tutti i partecipanti, ma i risultati suggeriscono la misura in cui la propria prestazione sportiva deteriora dipende dal singolo individuo.

"Alcuni soggetti hanno mostrato solo piccole riduzioni nelle prestazioni con ipoglicemia, mentre altri hanno mostrato molto più di valore", dice Riddell. "Questo potrebbe essere correlato al livello di concentrazione di glucosio nel sangue, la velocità con cui il glucosio scende, e la capacità dell'individuo di mantenere la concentrazione di fronte a tutti questi fattori."

L'esercizio fisico regolare è conosciuto per essere utile per le persone con diabete, ma può rendere il controllo glicemico impegnativo. Questo equilibrio è ancora più difficile da raggiungere negli adolescenti, come il fabbisogno di insulina sono influenzati dalle fluttuazioni apporto nutrizionale, livelli di attività fisica, e il ritmo di altri ormoni anti-insulina. Aggiungendo alla confusione è che i sintomi di basso o alto livello di glucosio nel sangue sono spesso mascherati da esercizio fisico, perché sono così simili: aumento del battito cardiaco, sudorazione, tremori, stanchezza e disidratazione.

"Eventuali problemi evidenti con la prestazione - povero di passaggio, non è riuscito tiri liberi e serve - che sono veramente fuori dal comune dovrebbe essere un segnale di avvertimento per controllare i livelli di glucosio nel sangue e aggiungere carboidrati", dice Riddell. Il modo migliore per aumentare i livelli di zucchero nel sangue è quello di consumare circa 15-30 grammi di carboidrati ad azione rapida, come compresse di destrosio, succo di frutta o una bevanda sportiva. "Questi sono rapidamente assorbiti e riempire immediatamente la piccola riserva di glucosio normalmente presenti nel sangue," dice.

Episodi di moderata a grave ipoglicemia erano comuni nelle serate seguenti partecipazione campo sportivo. Tuttavia, i ricercatori hanno trovato alcuna prova che un attacco di ipoglicemia notturna influenze prestazioni skill sport il giorno seguente. Test cognitivi ha anche mostrato che la capacità di lettura dei partecipanti era più basso durante gli episodi di ipoglicemia, come era la capacità di distinguere i colori e nome.

Riddell rileva l'importanza di condurre questo tipo di ricerca sul campo, al contrario di studi basati in laboratorio. "In realtà la riproduzione di uno sport coinvolge elaborazione cognitiva diversa, il tempo di reazione e le prestazioni delle capacità motorie," dice.

Il documento, "i livelli di glucosio nel sangue e prestazioni in un campo sportivo per gli adolescenti con diabete mellito di tipo 1: Uno studio sul campo" è co-autore di Dylan Kelly, uno studente universitario McMaster University sotto la supervisione di Riddell, e il Dr. Jill Hamilton, endocrinologo pediatrico , L'Hospital for Sick Children, Università di Toronto.

La ricerca è stata sostenuta dalle scienze naturali e ingegneria Research Council del Canada (NSERC), Medtronic Canada e Can-Am Care.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha