Il diabete può essere Disturbo intestinale superiore: la chirurgia può correggere

Maggio 8, 2016 Admin Salute 0 3
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Un nuovo articolo - pubblicato in un supplemento speciale al numero di febbraio di Diabetes Care da un esperto leader nel campo emergente della chirurgia del diabete - punti al piccolo intestino come possibile sito di meccanismi cruciali per lo sviluppo del diabete.

L'autore dello studio, il dottor Francesco Rubino del NewYork-Presbyterian Hospital/Weill Cornell Medical Center, presenta prove scientifiche sui meccanismi di controllo del diabete dopo l'intervento chirurgico. Studi clinici hanno dimostrato che le procedure che semplicemente limitano le dimensioni dello stomaco (ie, bendaggio gastrico) migliorano il diabete solo inducendo massiccia perdita di peso. Studiando il diabete negli animali, il dottor Rubino è stato il primo a fornire prove scientifiche che le operazioni di bypass gastrointestinali che coinvolgono un volo alternativo il tratto gastrointestinale (ad esempio, bypass gastrico) può causare il diabete remissione indipendentemente da qualsiasi perdita di peso, e anche in soggetti che non sono obesi.




"Rispondendo alla domanda di come funziona la chirurgia del diabete, potremmo essere rispondendo alla domanda di come funziona il diabete stesso," dice il Dott Rubino, che è un professore presso il Dipartimento di Chirurgia presso Weill Cornell Medical College e direttore della chirurgia metabolica gastrointestinale a NewYork-Presbyterian/Weill Cornell.

Prima ricerca del Dott Rubino ha dimostrato che i meccanismi principali con cui le procedure di bypass gastrointestinali controllare il diabete in particolare si basano sulla tangenziale del piccolo intestino superiore - duodeno e digiuno. Si tratta di una scoperta fondamentale che potrebbe indicare l'origine del diabete.

"Quando abbiamo bypassare il duodeno e digiuno, noi di passare vicino quello che potrebbe essere la fonte del problema," dice il Dott Rubino, che è a capo di Diabetes Surgery Center del NewYork-Presbyterian/Weill Cornell.

In realtà, è diventato sempre più evidente che il tratto gastrointestinale svolge un ruolo importante nella regolazione dell'energia, e che molti ormoni intestinali sono coinvolti nella regolazione del metabolismo degli zuccheri. "Non dovrebbe sorprendere nessuno che chirurgicamente alterare l'anatomia del colon colpisce i meccanismi che regolano i livelli di zucchero nel sangue, alla fine influenzano il diabete", afferma Dr Rubino.

Mentre altre operazioni gastrointestinali possono curare il diabete come effetto di modifiche che migliorano i livelli di zucchero nel sangue, i risultati della ricerca del dottor Rubino negli animali indicano che le procedure sulla base di un bypass intestinale superiore possono lavorare invece invertendo anomalie della regolazione del glucosio nel sangue.

Infatti, bypass del piccolo intestino superiore non migliora la capacità del corpo di regolare i livelli di zucchero nel sangue. "Quando eseguita in soggetti non diabetici, il bypass dell'intestino superiore può anche compromettere i meccanismi che regolano i livelli di glucosio nel sangue," dice il Dott Rubino. In stridente contrasto, quando il passaggio di sostanze nutritive 'viene deviata dal intestino superiore di pazienti diabetici, il diabete si risolve.

Questo, spiega, implica che l'intestino superiore di pazienti diabetici può essere il sito dove si produce un segnale anomalo, causando, o almeno favorendo lo sviluppo della malattia.

Come funziona esattamente l'intestino superiore è disfunzionale resta da vedere. Dr. Rubino propone una spiegazione originale noto nella comunità scientifica come la "teoria anti-incretine."

Incretine sono ormoni gastrointestinali, prodotti in risposta al transito di sostanze nutritive, che stimolano la produzione di insulina. A causa di un eccesso di insulina può determinare ipoglicemia (estremamente bassi livelli di zucchero nel sangue) - una condizione di pericolo di vita - Dr. Rubino ipotizza che il corpo ha un meccanismo contro-normativo (o il meccanismo "anti-incretine"), attivato dalla stessa passaggio di nutrienti attraverso l'intestino superiore. Quest'ultimo meccanismo agire per diminuire sia la secrezione e l'azione dell'insulina.

"Nei pazienti sani, un corretto equilibrio tra incretin e fattori anti-incretine mantiene normali escursioni di livelli di zucchero nel sangue", spiega. "In alcuni individui, duodeno e digiuno potrebbe essere la produzione di troppo di questo anti-incretine, riducendo la secrezione di insulina e bloccando l'azione dell'insulina, che si traduce nel diabete di tipo 2".

Infatti, nel diabete di tipo 2, le cellule sono resistenti all'azione dell'insulina ("resistenza all'insulina"), mentre il pancreas è in grado di produrre abbastanza insulina per superare la resistenza.

Dopo le procedure di bypass gastrointestinale, l'esclusione del piccolo intestino superiore dal transito di nutrienti può compensare la produzione anormale di anti-incretine, ottenendo in tal modo la remissione del diabete.

Per comprendere meglio questi meccanismi, e contribuire a rendere i potenziali benefici della chirurgia del diabete più ampiamente disponibile, il dottor Rubino chiede priorità di ricerca in chirurgia del diabete. "Ulteriori ricerche sui meccanismi molecolari esatte del diabete, controllo chirurgico del diabete e il ruolo svolto dalla viscere della malattia può avvicinarci alla causa del diabete."

Oggi, la maggior parte dei pazienti con diabete non viene offerta una opzione chirurgica, e la chirurgia bariatrica è consigliato solo per quelli con obesità grave (indice di massa corporea, o BMI, superiore a 35kg).

"E 'diventato chiaro, tuttavia, che il BMI cut-off non possono più essere utilizzati per determinare chi è un candidato ideale per il trattamento chirurgico del diabete", afferma Dr Rubino.

"Vi è, infatti, una crescente evidenza che la chirurgia del diabete può essere efficace anche per i pazienti che sono solo leggermente obesi o semplicemente in sovrappeso. Studi clinici in questo campo sono quindi una priorità in quanto consentono di confrontare la chirurgia del diabete ad altre opzioni di trattamento in tentano di capire quando i benefici della chirurgia superiori ai rischi. Le linee guida cliniche per la chirurgia del diabete saranno certamente diversi da quelli per la chirurgia bariatrica, e non deve basarsi solo su livelli di BMI, ", osserva.

"La lezione che abbiamo imparato con la chirurgia del diabete è che il diabete non è sempre una malattia cronica e inarrestabile, in cui l'unico possibile obiettivo terapeutico è solo il controllo dell'iperglicemia e minimizzazione del rischio di complicanze. Chirurgia gastrointestinale offre la possibilità di completa remissione della malattia . Si tratta di un importante cambiamento nel modo in cui consideriamo obiettivi di trattamento per il diabete. E 'senza precedenti nella storia della malattia ", aggiunge il dottor Rubino.

Il diabete di tipo 2, che rappresenta il 90 al 95 per cento di tutti i casi di diabete, è una crescente epidemia che affligge più di 200 milioni di persone in tutto il mondo.

Nel momento in cui il diabete è in crescita epidemica in tutto il mondo, il dottor Rubino dice che la ricerca di nuove strategie di trattamento è una corsa contro il tempo. "A questo punto, manca la possibilità che la chirurgia offre non è un'opzione".

Oltre ad avere studi di riferimento condotti nel campo della chirurgia del diabete, il dottor Rubino è stato il principale organizzatore di un influente Diabetes Surgery Summit, tenutosi a Roma nel marzo 2007. La conferenza di consenso internazionale ha contribuito a stabilire il campo, fare raccomandazioni internazionali per l'uso di chirurgia e la creazione di un Diabetes Surgery internazionale Task Force. Dr. Rubino serve come socio fondatore.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha