Il dolore cronico nei bambini e negli adolescenti diventando sempre più comune

Maggio 28, 2016 Admin Salute 0 7
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

I bambini che soffrono di dolore cronico persistente o ricorrente possono perdere scuola, della cessazione di attività sociali, e sono a rischio di sviluppare sintomi di internalizzazione come ansia, in risposta al loro dolore. Nella prima revisione completa del dolore cronico in bambini e adolescenti in 20 anni un gruppo di ricercatori ha scoperto che più bambini oggi soffrono di dolore cronico e che le ragazze soffrono più spesso di dolore cronico rispetto ai ragazzi.

"Abbiamo scoperto che il dolore cronico persistente e ricorrente è prevalentemente diffuso nei bambini e negli adolescenti, con le ragazze in genere vivendo più dolore di ragazzi e prevalenza aumenta con l'età," ha detto il ricercatore Sara Re, PhD, attualmente Assistant Professor, Mount Saint Vincent University, Halifax, Nova Scotia. "Risultati come questi sostengono che i ricercatori e medici dovrebbero essere consapevoli del problema e le conseguenze a lungo termine del dolore cronico nei bambini."

Ricercatori provenienti da Dalhousie University e il Centro Benessere IWK, Halifax, sistematicamente esaminati studi epidemiologici di dolore per valutare i progressi compiuti dopo la prima revisione completa del dolore nei bambini e negli adolescenti, pubblicato da Goodman e McGrath in PAIN®in 1991. Inoltre, hanno identificato un serie di criteri per valutare la qualità degli studi inclusi nella revisione. Hanno guardato 32 studi e classificati in base al tipo di dolore indagato: mal di testa, dolori addominali, mal di schiena, dolore muscoloscheletrico, dolore unito, e il dolore generale.




I loro risultati indicano che la maggior parte dei tipi di dolore sono più frequenti nelle ragazze che nei ragazzi, ma i fattori che influenzano questa differenza di genere non sono del tutto chiare. Tassi di prevalenza del dolore tende ad aumentare con l'età. Variabili psicosociali che influenzano il dolore prevalenza compresi ansia, depressione, bassa autostima, e basso status socio-economico. Mal di testa è risultato essere il tipo più comune di dolore studiato in gioventù, con un tasso di prevalenza stimata del 23%. Altri tipi di dolore, cioè, dolori addominali, mal di schiena, dolore muscoloscheletrico, e combinazioni di dolore, sono stati meno frequentemente studiate di mal di testa, e tassi di prevalenza erano variabili a causa delle differenze di reporting. Tuttavia, i risultati complessivi indicano che questi tipi di dolore sono molto diffuse nei bambini e negli adolescenti, con tassi di prevalenza mediani che vanno dal 11% al 38%. "Queste tariffe sono di grande preoccupazione, ma ciò che è ancora più preoccupante è che la ricerca suggerisce che i tassi di prevalenza di dolore dell'infanzia sono aumentati nel corso degli ultimi decenni", ha dichiarato il dottor King.

I ricercatori hanno anche scoperto che molti studi non soddisfacevano i criteri di qualità e c'era una grande variabilità nei tassi di prevalenza tra gli studi a causa di periodi di tempo su cui dolore è stato riportato. Gli autori suggeriscono che i futuri studi epidemiologici in questo settore hanno bisogno di migliori definizioni operative di dolore e migliori misure di intensità del dolore, frequenza e durata. Tali criteri di qualità tra gli studi potrebbero consentire un confronto diretto.

La revisione ha identificato diversi fattori demografici e psicosociali associati con alti tassi di prevalenza di tipi di dolore specifici. "Spostando attenzione a fattori associati con dolore cronico e ricorrente, può essere possibile identificare i fattori di rischio più salienti, portando a precoci e intensivi interventi per le categorie più a rischio", ha concluso il dottor King.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha