Il grasso bruno è risultato essere alla base della sindrome di deperimento legata al cancro

Aprile 7, 2016 Admin Salute 0 6
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Molti pazienti con stadi avanzati del cancro, l'AIDS, la tubercolosi e altre malattie muoiono da una condizione chiamata cachessia, che si caratterizza come una sindrome "spreco" che causa estrema magrezza con debolezza muscolare. La cachessia è la causa diretta di circa il 20% dei decessi in pazienti affetti da cancro. Mentre aumentando l'assunzione di cibo non aiuta, e terapie efficaci sono disponibili, la nuova ricerca nella cella Press punti rivista Cell Metabolism ad una strategia promettente che può stimolare l'aumento di peso e la forza muscolare.

La ricerca si riferisce ad un processo che è stato guadagnando notevole attenzione come un modo per combattere l'obesità: l'imbrunimento di grasso bianco. Mentre grasso bianco memorizza normalmente calorie, grasso bruno li brucia e genera calore nel processo. Pertanto, gli sforzi per trasformare il grasso bianco in grasso bruno può aiutare le persone a perdere peso.

Erwin Wagner, del National Cancer Research Centre di spagnolo a Madrid, ei suoi colleghi hanno scoperto che nei topi e nei pazienti con cachessia neoplastica associata, grasso bianco subisce variazioni significative e si trasforma in calorie brucia grasso marrone. La trasformazione porta ad un aumento del consumo di energia e organo spreco.




Il team ha inoltre scoperto che l'infiammazione svolge un ruolo importante nel trasformare il grasso bianco in grasso bruno durante cachessia neoplastica associata, che suggerisce un potenziale bersaglio terapeutico. Infatti, terapie anti-infiammatori, tra cui il farmaco antinfiammatorio non steroideo (NSAID) Sulindac, migliorate la gravità della cachessia nei topi.

"I nostri dati suggeriscono che l'inibizione della doratura di grasso bianco rappresenta un approccio promettente per migliorare la gravità della cachessia nei pazienti affetti da cancro," dice il Dott Wagner. "Inoltre, l'identificazione di biomarcatori di doratura in prime fasi di sviluppo del cancro potrebbe aiutare a prevedere quali pazienti stanno andando a sviluppare cachessia e sono buoni candidati di beneficiare di un trattamento preventivo."

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha