Il perdente più grande: l'obesità materna mette un carico sul suo prole che dura una vita

Aprile 20, 2016 Admin Salute 0 5
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Come se non ci sono abbastanza motivi per le persone obese a perdere peso, un nuovo rapporto di ricerca pubblicato online in The FASEB Journal aggiunge molti altri. In uno studio condotto su topi, i ricercatori della Duke University ha scoperto che l'obesità nelle donne provoca programmazione cellulare in utero che predispone prole a disturbi infiammazione correlati (come l'Alzheimer, il Parkinson, il diabete di tipo 2, ictus, malattie cardiache, e altro ancora) dal giorno che sono nati, a prescindere dal fatto che la prole sono obesi se stessi.

"Ci auguriamo che questi dati saranno eventualmente portare a trattamenti per problemi di obesità associata, per l'identificazione di nuovi bersagli all'interno del sistema immunitario", ha detto Staci Bilbo D., Ph.D., co-autore dello studio, del Dipartimento di Psicologia e Neuroscienze presso la Duke University di Durham, NC "La nostra speranza è anche che questi dati porteranno le persone a prendere in considerazione le conseguenze dei loro apporti alimentari non solo per la propria salute, ma anche per la salute dei loro figli, e potenzialmente anche la salute dei loro nipoti. "

Per fare questa scoperta, Bilbo e colleghi collocati ratti su una delle tre diete (a basso contenuto di grassi, grassi saturi, elevata, e grassi di alta trans) quattro settimane prima dell'accoppiamento e durante la gravidanza e l'allattamento. Le diete ad alto contenuto di grassi resi topi clinicamente obesi. I ricercatori hanno analizzato il cervello dei cuccioli appena nati dopo sfida da stimoli infiammatori. Offspring nati da madri sulle diete ad alto contenuto di grassi ha mostrato un aumento di attivazione delle cellule immunitarie e rilascio di prodotti nocivi (citochine). Questo superamento era già evidente il giorno dopo la nascita. Quando gli scienziati hanno continuato ad analizzare il cervello cucciolo attraverso i loro anni giovani e adulti, e anche dopo che i ratti sono stati messi in una dieta sana a basso contenuto di grassi, questo iper-risposta all'infiammazione rimasto drammaticamente aumentato rispetto ai ratti nati da madri di peso normale.




"Se mai ci fosse un esagono materna, l'obesità potrebbe essere", ha detto Gerald Weissmann, MD, redattore capo di The FASEB Journal ", e come si scopre, anche dopo che il peso si stacca, il più grande perdente isn ' t una madre, ma il suo bambino ".

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha