Il rame potrebbe aiutare a prevenire la diffusione dell'influenza Infezioni

Aprile 11, 2016 Admin Salute 0 1
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Il rame potrebbe aiutare a prevenire la diffusione delle infezioni influenzali. Recenti ricerche presso l'Università di Southampton dimostra che il virus dell'influenza A è praticamente debellata entro sei ore sulle superfici in rame. I virus dell'influenza A causano infezioni stagionali conseguente circa 12.000 morti l'anno nel Regno Unito. Il Una famiglia di virus influenzale include il ceppo influenzale aviaria.

Il professor Bill Keevil e il dottor Jonathan Noyce, ricercatori microbiologia alla Scuola di Scienze Biologiche dell'Università, dettaglio i risultati di uno studio in corso di preparazione per la presentazione per la pubblicazione peer-reviewed entro la fine dell'anno. Professor Keevil, che dirige Microbiologia gruppo di ricerca della Scuola, ha spiegato: 'I risultati sono così pertinenti alle attuali preoccupazioni circa contenente un potenziale focolaio del ceppo di influenza aviaria, che abbiamo ritenuto importante fornire alcuni dei risultati preliminari in questo momento . '

I ricercatori Southampton posizionati 2 milioni di unità formanti placche di influenza A (H1N1) sulle cedole di C11000 rame (comuni, pure in lamiera di rame) e su S30400 (acciaio inossidabile comune) a temperatura ambiente e poi è tornato periodicamente per determinare i tassi di sopravvivenza dei campioni. Sulla superficie in acciaio inossidabile, il patogeno è sceso a 1 milione dopo sei ore e 500.000 dopo 24 ore. Nel frattempo, la superficie di rame ha raggiunto una riduzione a 500.000 dopo un'ora e inattivato quasi 500 - una riduzione del 99,99% - dopo sei ore.




Nella ricerca, il professor Keevil osserva che il ceppo H1N1 testato è quasi identico a quello H5N1 (aviaria) ceppo e che l'efficacia delle proprietà antimicrobiche del rame dovrebbe essere quasi identico pure. Egli spiega che, mentre i vaccini stimolano gli anticorpi di accoglienza per indirizzare specifiche strutture della superficie cellulare esposte (epitopi), l'azione antimicrobica del rame probabilmente attacca la struttura complessiva del virus e quindi ha un effetto ad ampio spettro.

Questi risultati sono 'coerenti con gli effetti antimicrobici dimostrato di rame citati in studi pubblicati su E. coli O157: H7, meticillino-resistente Staphylococcus aureus (il superbug, MRSA) e Listeria,' ha detto il professor Keevil, aggiungendo che simili efficacia antimicrobica può essere conseguito mediante l'infusione di ioni rame in tessuti, filtri o altri materiali. Tuttavia, tali applicazioni possono avere efficacia ridotta nel tempo, poiché la quantità di rame in tali materiali è molto inferiore in leghe di rame solido.

Suggerendo che varrebbe la pena di considerare l'utilizzo di rame non rivestito leghe orhigh-rame, come molti ottoni e bronzi, per superfici comuni-touch per ridurre al minimo la contaminazione incrociata, il professor Keevil ha detto: 'maniglie delle porte e maniglie, piastre di spinta, controsoffitti, lavelli e altro hardware frequentemente toccati in sanità e altri servizi pubblici sono i primi candidati per l'uso di leghe di rame per contribuire a controllare la diffusione dell'infezione '.

La ricerca di Southampton è stato sponsorizzato dalla Development Association Copper (CDA) negli Stati Uniti e l'Associazione internazionale del rame.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha