Il rischio di cancro a causa di esposizione a radiazioni nella mezza età può essere superiore a quello stimato in precedenza

Maggio 14, 2016 Admin Salute 0 0
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

E 'noto che i bambini sono più sensibili degli adulti agli effetti delle radiazioni e che hanno un rischio maggiore di sviluppare il cancro indotto da radiazioni rispetto agli adulti. Alcuni dati suggeriscono anche che, in generale, più vecchio una persona è esposto a radiazioni, minore è il rischio di sviluppare un cancro indotto da radiazioni. D'altra parte, i dati statistici da studi a lungo termine di sopravvissuti alla bomba atomica in Giappone indica che per l'esposizione alle radiazioni, dopo circa 30 anni, il rischio di sviluppare il cancro indotto da radiazioni non continua a diminuire.

Per esplorare questo problema, David J. Brenner, Ph.D., D.Sc., presso la Columbia University di New York, e colleghi hanno rianalizzati i dati giapponese bomba atomica superstite ipotizzando due diversi percorsi attraverso i quali l'esposizione a radiazioni in ultima analisi può portare al cancro. Il primo è l'inizio di mutazioni genetiche che trasformano le cellule staminali normali cellule precancerose che in futuro potrebbe portare al cancro. Il secondo è indotto da radiazioni promozione o l'espansione, il numero di cellule precancerose esistenti nel corpo. L'effetto iniziazione è più probabile che a giocare un ruolo nei bambini che negli adulti, hanno ragione, perché le cellule iniziati in giovane età hanno un tempo più lungo a disposizione di espandersi in numero e il progresso sulla via al cancro. L'effetto di promozione, d'altra parte, è più probabile che sia importante per esposizioni radiazioni in età media, perché il corpo adulto contiene già un numero maggiore di cellule precancerose.




I ricercatori hanno sviluppato un modello sulla base di questi effetti biologici e applicato il modello ai dati giapponesi bomba sopravvissuti atomici. Essi hanno scoperto che il modello è stato in grado di riprodurre i modelli di rischio di cancro associati all'età esposizione alle radiazioni osservata in questi sopravvissuti. Hanno poi applicato lo stesso modello per prevedere i rischi di cancro in funzione dell'età della popolazione degli Stati Uniti e ha scoperto che i rischi di cancro previsti dal modello sono stati coerenti con i dati nella fascia di età da circa 30 a 60.

Gli autori concludono che il rischio di cancro dopo l'esposizione nella mezza età può aumentare per alcuni tipi di tumore Contrariamente al senso comune. Essi aggiungono che questi risultati potrebbero avere implicazioni pratiche in materia di test diagnostici a raggi X, che sono prevalentemente eseguiti su adulti di mezza età, così come per le occupazioni che coinvolgono l'esposizione alle radiazioni, di nuovo dove la maggior parte delle esposizioni sono nella mezza età.

"Nel complesso, il peso delle prove epidemiologiche indicano che per le esposizioni adulti, i rischi di radiazioni in genere non diminuiscono con l'aumentare dell'età al momento dell'esposizione," scrivono, "e la Sostenere meccanicistico qui descritto fornisce questa conclusione con una certa plausibilità biologica."

In un editoriale di accompagnamento, John D. Boice, Sc.D., della Epidemiologia dell'Istituto Internazionale, Rockville, Md., E Vanderbilt University, Nashville, osserva che vi sono incertezze generalizzare i dati giapponesi di una popolazione degli Stati Uniti. Egli osserva inoltre che altri dati e altri modelli contraddicono i risultati di questo studio. Tuttavia, egli conclude che questo modello basato biologia "solleva ipotesi provocatorie e le conclusioni che, sebbene preliminare, richiamare l'attenzione sulla costante importanza di basse dosi di radiazioni esposizioni nella nostra società."

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha