Il rischio di recidiva del tumore al seno può dipendere trattamento chirurgo

Maggio 9, 2016 Admin Salute 0 4
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Carcinoma duttale in situ (DCIS), o il cancro al seno non invasivo, è tipicamente trattata con la chirurgia conservativa del seno - con o senza radiazioni follow-up - o mastectomia. La scelta del trattamento dipende da fattori clinici, il chirurgo trattamento, e le preferenze del paziente. I risultati di salute a lungo termine (sopravvivenza libera da malattia) dipendono dai trattamenti ricevuti. Secondo uno studio pubblicato 3 gennaio in The Journal of National Cancer Institute, tuttavia, i risultati di salute sono anche associati con il chirurgo curante.

Per determinare l'efficacia comparata delle strategie di trattamento, Andrew W. Dick, Ph.D., della RAND Corporation e colleghi hanno condotto uno studio retrospettivo di donne con diagnosi di carcinoma duttale in situ tra il 1985 e il 2000, con ben 18 anni di follow-up. Essi hanno identificato le donne attraverso due grandi registri tumori, la Monroe County (New York) registro dei tumori, e il registro dei tumori al Sistema Sanitario Henry Ford a Detroit.

I ricercatori hanno raccolto dati estesi sui pazienti, tra cui il tasso di recidiva omolaterale, o il cancro al seno ricorrenti nella stessa mammella; se le donne erano state trattate con mastectomia o intervento conservativo della mammella - con o senza radioterapia; e il loro stato margine (margine di tessuto circostante loro tumori asportati). Essi definiscono margini positivo (in cui le cellule tumorali si estendono fino al bordo del tessuto asportato), negativi (cellule tumorali sono più di 2 millimetri di distanza dal bordo del tessuto), o chiudere (in cui sono presenti cellule tumorali entro due millimetri del bordo).




Secondo i ricercatori, i due più importanti determinanti di cancro al seno ricorrenti sono i margini del tumore e se la radioterapia non le donne hanno ricevuto dopo chirurgia conservativa del seno.

"BCS in assenza di radioterapia portato nella sopravvivenza libera da eventi omolaterale sostanzialmente inferiore sia BCS seguiti da radioterapia o mastectomia," scrivono gli autori, aggiungendo: "Indipendentemente dal trattamento, positivi o chiudere margini dopo l'ultimo trattamento chirurgico sostanzialmente compromessa sopravvivenza libera da eventi omolaterale. " Entrambe queste importanti determinanti di risultati, tuttavia, varia notevolmente dal chirurgo curante.

Gli autori scrivono che l'ampia variabilità in trattamento da chirurghi può riflettere differenze di conoscenze, gli atteggiamenti e le credenze dei chirurghi, soprattutto in considerazione della mancanza di consenso su ciò che costituisce un margine negativo.

"La mancanza di conoscenza circa l'importanza dei margini, e le differenze di convinzioni circa il ruolo della radioterapia nel controllo locale, insieme con le differenze nella comunicazione medico-paziente durante il processo decisionale potrebbe spiegare la variazione sostanziale accettazione di margini positivi e la determinazione di non procedere a mastectomia, "scrivono gli autori.

Tuttavia, si stima che, con una modesta riduzione variazione da chirurgo, basati solo su modifiche tra i chirurghi con bassi tassi di radioterapia e di alti tassi di margini positivi o chiudere, ipsilaterale a 5 e 10 anni i tassi di eventi potrebbe essere ridotto del 15% al 30%.

In un editoriale di accompagnamento, Beth A. Virnig, Ph.D., e Todd M. Tuttle, MD, della University of Minnesota, scrivono che lo studio pone una domanda imbarazzante. "Come dovrebbero donne selezionare un provider sapendo che fino al 35% della variazione nei risultati si basa sulla loro scelta del medico, ma che non ci sono attuabili caratteristiche che possono essere presi in considerazione?"

Essi suggeriscono una soluzione potrebbe pubblicherà i punteggi per tutti i medici che effettuano la chirurgia del cancro al seno in una particolare area. In ogni caso, la variabilità nella scelta trattamento chirurghi 'offre una potenziale opportunità per migliorare o standardizzare la cura DCIS.

Scrivono, "La sfida è quindi per la comunità professionale di identificare i fattori che sono associati con la variabilità medico attualmente inspiegabile e di utilizzare tali informazioni per promuovere l'identificazione dei fornitori di alta qualità o le attività di miglioramento della qualità."

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha